3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30


Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!


Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Spedizioni gratuite oltre i 80,01 €

Gambero - Alimenti

GAMBERO

 

 

1. Descrizione e origini del Gambero
2. Specie di Gambero
3. Benefici e controindicazioni del Gambero
4. Composizione chimica e valore energetico

 

1. Descrizione e origini del Gambero



Che cosa sono i gamberi? Che tipo di pesce sono i gamberi? Quali sono le origini dei gamberi? Come possono essere cucinati i gamberi?


I gamberi sono crostacei marini, che appartengono alla famiglia dei decapodi, molto apprezzati per il loro gusto delizioso e la loro versatilità in cucina. Sono comunemente consumati in molte parti del mondo e sono un ingrediente popolare in numerose ricette.
Hanno un corpo lungo e segmentato, diviso in tre parti principali: la testa, il torace e l'addome. La testa contiene gli occhi, le antenne e un paio di appendici che vengono utilizzate per la manipolazione del cibo. Il torace ospita le zampe, di cui le prime tre paia sono adattate per la locomozione, mentre le ultime due paia sono più sottili e possono essere utilizzate per afferrare il cibo. L'addome è la parte posteriore del corpo e contiene gli organi interni del gambero.
La caratteristica distintiva dei gamberi è la loro corazza esterna, chiamata esoscheletro, che offre protezione al loro corpo morbido. L'esoscheletro è composto principalmente da chitina, una sostanza resistente che fornisce struttura e protezione. Durante la crescita, i gamberi periodicamente si sbarazzano del loro esoscheletro tramite un processo chiamato muta.
Dal punto di vista culinario, i gamberi sono noti per il loro sapore dolce e delicato. Possono essere cucinati in vari modi, come bolliti, grigliati, saltati in padella o utilizzati come ingrediente principale in zuppe, risotti e piatti di pasta. Sono spesso serviti come antipasto, insieme a salse come il cocktail di gamberi o possono essere aggiunti a insalate e piatti di frutti di mare.
Le origini di questi crostacei risalgono ad oltre 200 milioni di anni. Le prime forme primitive di gamberi sono apparse nell'era paleozoica, durante il periodo del Cambriano. Nel corso dei millenni, i gamberi si sono evoluti e adattati a una varietà di habitat marini e d'acqua dolce in tutto il mondo. La loro diffusione nel corso dei secoli è strettamente legata alla storia della pesca e alla colonizzazione umana delle zone costiere. Inizialmente, i gamberi erano pescati principalmente nelle acque marine, ma col passare del tempo, la pesca di gamberi si è estesa anche alle acque dolci, come fiumi e
laghi.
Le prime testimonianze dell'utilizzo dei gamberi in ambito culinario risalgono all'antica Grecia e all'antica Roma, dove venivano consumati come prelibatezze. Durante l'Impero romano, i gamberi erano considerati un cibo di lusso e venivano spesso serviti durante i banchetti delle classi più elevate.
Con l'espansione delle rotte commerciali nel corso dei secoli, i gamberi sono diventati sempre più accessibili in diverse parti del mondo. Le esplorazioni marittime europee nel XV e XVI secolo hanno contribuito alla diffusione dei gamberi in tutto il continente americano, l'Asia e l'Oceania. Ad esempio, i gamberi sono stati introdotti nelle Americhe dagli esploratori europei durante l'era delle grandi scoperte.
Oggi, i gamberi sono diffusi in tutto il mondo e sono ampiamente pescati e allevati per scopi commerciali. Alcune delle principali regioni produttrici di gamberi includono il sud-est asiatico (come Thailandia, Vietnam, Indonesia), gli Stati Uniti (specialmente in Louisiana e nella regione del Golfo del Messico), il Sud America, l'Europa (come Spagna, Italia e Francia) e l'Australia.
Inoltre, sono diventati un elemento fondamentale della cucina di molte culture e sono presenti in una vasta gamma di piatti tradizionali.



2. Specie di Gambero



Quali sono le specie di gambero?


Ci sono diverse varietà di gamberi in tutto il mondo, ognuna con caratteristiche distintive. Di seguito alcune delle più comuni e apprezzate:
1) Gambero rosso (Penaeus duorarum): è una specie di gambero originaria dell'Atlantico occidentale, comunemente trovata nella regione del Golfo del Messico. Questo gambero ha un colore rosso intenso e un sapore dolce. È spesso utilizzato nella cucina creola e cajun per preparare piatti come il gumbo e l'etouffée.
2) Gambero tigre (Penaeus monodon): questo gambero è originario dell'Oceano Indiano e del Pacifico. Ha una dimensione notevole e una caratteristica colorazione a strisce, da cui deriva il suo nome. Il gambero tigre è noto per la sua carne soda e saporita, ed è ampiamente apprezzato in molte cucine asiatiche.
3) Gambero bianco (Litopenaeus setiferus): questa specie di gambero è comune lungo la costa atlantica degli Stati Uniti e del Golfo del Messico. Ha un colore bianco traslucido e una carne delicata. Il gambero bianco è spesso utilizzato per preparare piatti come cocktail di gamberi, insalate di mare e piatti alla griglia.
4) Gambero rosa (Parapenaeus longirostris): è comune nel Mar Mediterraneo. Ha un colore rosa-arancione e una forma allungata. Il gambero rosa ha una carne succosa e gustosa ed è spesso utilizzato in piatti mediterranei come la paella e le zuppe di pesce.
5) Gambero viola (Haliporoides diomedeae): si trova nell'Oceano Pacifico settentrionale, specialmente al largo delle coste dell'Alaska. Ha una colorazione viola scuro e un aspetto affusolato. Il gambero viola è molto apprezzato per la sua carne dolce e tenera ed è spesso servito come piatto principale in molte cucine costiere.
6) Gambero imperatore (Pandalus borealis): è comune nelle acque fredde dell'Oceano Atlantico settentrionale. Ha un colore arancione brillante con riflessi rosa e una forma leggermente curva. Il gambero imperatore ha una carne dolce e saporita ed è spesso utilizzato in piatti come i bisque di gamberi e le insalate di gamberi.

 

 

3. Benefici e controindicazioni del Gambero



Quali sono i benefici dei gamberi? A cosa fanno bene i gamberi?  Quali sono le controindicazioni dei gamberi? Quando non mangaire i gamberi?



Il gambero è un crostaceo che presenta le seguenti componenti:
1) Proteine: i gamberi sono una buona fonte di proteine di alta qualità. Le proteine costituiscono circa il 20% del peso secco del gambero e sono fondamentali per la crescita e il ripristino dei tessuti, nonché per la funzione muscolare.
2) Acqua: è l'elemento predominante nel gambero, costituendo la maggior parte della sua composizione.
3) Grassi: i gamberi contengono quantità moderate di grassi, principalmente sotto forma di acidi grassi polinsaturi, tra cui gli omega-3. Questi acidi grassi sono benefici per la salute cardiovascolare e svolgono un ruolo importante nel mantenimento delle membrane cellulari.
4) Carboidrati: sono presenti nei gamberi, ma in quantità relativamente basse. La loro presenza è principalmente legata a polisaccaridi strutturali come il chitosano, che costituisce la corazza del gambero.
5) Minerali: i gamberi sono una buona fonte di minerali essenziali come il potassio, il selenio, il calcio, il ferro e lo zinco. Questi minerali sono fondamentali per numerose funzioni corporee, inclusa la salute delle ossa, la produzione di energia e il sistema immunitario.
6) Vitamine: sono contenute diverse vitamine, tra cui la vitamina B12, la vitamina E e la vitamina D. La vitamina B12 è fondamentale per la salute del sistema nervoso, mentre la vitamina E e la vitamina D svolgono un ruolo chiave come antiossidanti e per la salute delle ossa, rispettivamente.
7) Chitina: è un polisaccaride strutturale presente nella corazza del gambero. Non viene digerita dall'uomo, ma può avere effetti benefici sulla salute intestinale e sull'equilibrio della flora batterica.

Il gambero offre diversi benefici per la salute quando consumato come parte di una dieta equilibrata. Di seguito sono presenti i principali:
- Fonte di proteine: I gamberi sono ricchi di proteine di alta qualità. Le proteine sono essenziali per la crescita e il ripristino dei tessuti, la sintesi degli enzimi e degli ormoni, nonché per la funzione muscolare.
- Basso contenuto di grassi saturi: i gamberi contengono quantità relativamente basse di grassi, e la maggior parte di essi è costituita da acidi grassi insaturi sani. Ciò significa che il gambero può essere una scelta alimentare adatta per coloro che cercano di limitare l'assunzione di grassi saturi, che possono contribuire a problemi di salute cardiovascolare.
- Acidi grassi omega-3: i gamberi contengono acidi grassi omega-3, come l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA). Questi acidi grassi sono associati a numerosi benefici per la salute, tra cui la riduzione dell'infiammazione, il supporto alla salute cerebrale e la promozione della salute del cuore.
- Minerali essenziali: i gamberi sono una buona fonte di minerali essenziali come il selenio, lo zinco, il ferro e il calcio. Il selenio è un antiossidante che svolge un ruolo chiave nella difesa contro lo stress ossidativo e nella salute della tiroide. Lo zinco è coinvolto in molte reazioni enzimatiche e svolge un ruolo cruciale nella funzione immunitaria. Il ferro è necessario per il trasporto dell'ossigeno nel sangue, mentre il calcio è importante per la salute delle ossa e dei denti.
- Vitamine: i gamberi sono una fonte di vitamine essenziali come la vitamina B12, la vitamina D e la vitamina E. La vitamina B12 è necessaria per la formazione dei globuli rossi e per il funzionamento del sistema nervoso. La vitamina D è fondamentale per la salute delle ossa e il metabolismo del calcio. La vitamina E è un potente antiossidante che contribuisce alla protezione delle cellule dai danni causati dai radicali liberi.
- Bassa quantità di carboidrati: sono presenti basse quantità di carboidrati, il che li rende una scelta adatta per le diete a basso contenuto di carboidrati o per coloro che cercano di controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Sebbene il gambero possa offrire numerosi benefici per la salute, ci sono alcune controindicazioni e considerazioni importanti da tenere in considerazione. Eccone alcune delle principali:
- Allergie: le allergie ai crostacei, compresi i gamberi, sono comuni. Le reazioni allergiche possono variare da lievi a gravi e possono includere sintomi come prurito, gonfiore, eruzioni cutanee, difficoltà respiratorie e in casi estremi, shock anafilattico. Le persone con una storia di allergie ai crostacei devono evitare il consumo di gamberi e altri frutti di mare.
- Iodio: il gambero è una buona fonte di iodio, un minerale essenziale per la funzione tiroidea. Tuttavia, le persone con problemi di tiroide, come l'ipertiroidismo o l'ipotiroidismo, potrebbero dover limitare l'assunzione di iodio. Inoltre, coloro che sono sensibili o allergici all'iodio dovrebbero evitare il consumo di gamberi o consultare un medico prima di farlo.
- Colesterolo: i gamberi contengono colesterolo alimentare. Sebbene studi recenti abbiano dimostrato che il colesterolo alimentare ha un impatto minimo sui livelli di colesterolo nel sangue nella maggior parte delle persone, coloro che hanno già alti livelli di colesterolo o sono a rischio di malattie cardiovascolari potrebbero dover limitare il consumo di cibi ricchi di colesterolo, inclusi i gamberi.
- Contaminazione batterica: come tutti i frutti di mare, i gamberi possono essere soggetti a contaminazione batterica, come la salmonella o la vibriosi. È fondamentale manipolare, cucinare e conservare correttamente i gamberi per ridurre il rischio di malattie trasmesse dagli alimenti. Assicurarsi di acquistare gamberi freschi da fonti affidabili e cucinare adeguatamente il pesce per uccidere eventuali batteri.
- Mercurio: alcune varietà di gamberi possono contenere quantità di mercurio. Il mercurio è un metallo pesante che può accumularsi nel corpo nel corso del tempo e avere effetti dannosi sulla salute, in particolare sul sistema nervoso. Si consiglia di limitare il consumo di gamberi a specie a basso contenuto di mercurio, come i gamberi coltivati o quelli provenienti da fonti a basso rischio di contaminazione.



4. Composizione chimica e valore energetico



Quante calorie contengono i gamberi? Quante proteine contengono i gamberi? Quali vitamine contegono i gamberi? 


Nella tabella sottostante sono presenti la composizione chimica e il valore energetico per 100g di gambero.



Composizione Chimica

Valore 

Calorie

71 kcal

Acqua

80.1g

Proteine

13.6g

Grassi

0.6g

Carboidrati

2.9g

Colesterolo

150mg

Fibre

0g

Zuccheri

2.9g

Sodio

146mg

Calcio

110mg

Ferro

2mg

Potassio

266mg

Vitamina A

2µg

Vitamina C

2mg

Vitamina E

0mg

Vitamina K

0.3µg

Tiamina (Vitamina B1)

0.08mg

Riboflavina (Vitamina B2)

0.1mg

Niacina (Vitamina B3)

3.2mg

Vitamina B6

0.2mg

Folato (Vitamina B9)

11µg

Vitamina B12

1.5µg

Vitamina D

1µg

Magnesio

39mg

Rame

0.7mg

Zinco

1.9mg



5. Ricetta per un piatto leggero e saporito


"Gamberi al limone e prezzemolo"



"Prepara dei deliziosi gamberi al limone e prezzemolo in pochi minuti! Una ricetta leggera e saporita per conquistare i palati di tutti. Scopri come prepararla passo dopo passo."




Tempi di preparazione

Preparazione dei gamberi: 10 minuti
Marinatura: 15-20 minuti
Cottura: 6-8 minuti
Tempo totale approssimativo: 31-38 minuti




Ingredienti

- 500g di gamberi freschi sgusciati
- 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
- Succo di 1 limone
- Scorza di limone grattugiata
- 2 spicchi d'aglio tritati finemente
- 1 mazzetto di prezzemolo fresco tritato
- Sale e pepe q.b.



Istruzioni 


1. Preparazione dei gamberi: assicurati che i gamberi siano sgusciati e puliti. Rimuovi eventuali parti nere sul dorso dei gamberi con un taglio leggero.
2. Marinatura: in una ciotola, mescola l'olio d'oliva, il succo di limone, la scorza di limone grattugiata, l'aglio tritato, metà del prezzemolo tritato, sale e pepe. Aggiungi i gamberi alla marinata e mescola bene per coprirli uniformemente. Lascia marinare per almeno 15-20 minuti.
3. Cottura: riscalda una padella antiaderente a fuoco medio-alto. Aggiungi i gamberi marinati e cuocili per circa 2-3 minuti per lato o fino a quando diventano rosa e ben cotti. Non cuocerli troppo per evitare che diventino gommosi.
4. Preparazione del piatto: Disponi i gamberi su un piatto da portata. Spolvera il prezzemolo tritato rimasto sopra i gamberi. Guarnisci con qualche fettina di limone.


Questa squisita ricetta di gamberi al limone e prezzemolo. è ideale per un pranzo estivo o una cena speciale. Condividila con amici e familiari per far conoscere loro questa squisita prelibatezza. Buon appetito e condivisione!"

Recensioni certificate

Sappiamo come rendervi felici