3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30


Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!


Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Spedizioni gratuite oltre i 80,01 €

Fico - Alimenti

FICO


 

1. Descrizione e origini del Fico
2. Varietà di Fico
3. Benefici e controindicazioni del Fico
4. Proprietà nutrizionali del Fico
5. Ricetta facile e gustosa: "Marmellata di Fichi Fatta in Casa"

 

1. Descrizione e origini del Fico



Che cos'è il fico? Quali sono le origini del fico?


Il fico è il frutto dell’omonima pianta (Ficus carica), appartenente  alla specie alla famiglia delle Moraceae.
Il fico ha una forma a pera, una consistenza morbida e una pelle sottile e commestibile. La maggior parte dei fichi ha una tonalità violacea o marrone, ma esistono anche varietà di colore verde o giallo. Al suo interno, il fico ha una polpa succosa, che può variare dal bianco al rosa o al rosso, a seconda della varietà.
I fichi possono essere consumato freschi o secchi. Quelli freschi sono versatile e vengono utilizzati in cucina in molte preparazioni, come insalate, salse, crostate e piatti di carne. È particolarmente buono accoppiato con formaggi come il gorgonzola o il pecorino. Quelli secchi sono ottenuti dalla disidratazione del frutto fresco e hanno una consistenza più soda e concentrata. Spesso vengono utilizzati come ingrediente in dolci e piatti salati, ma possono essere anche consumati da soli come spuntino.
In genere, i fichi maturano tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno, e vengono raccolti a mano per evitare di danneggiare la delicata polpa.
I fichi possono essere distinti in base al loro grado di maturazione, che influisce sul loro sapore, la consistenza e il contenuto di zuccheri.
In genere, si distinguono tre stadi di maturazione dei fichi:
1) Fichi immaturi: i fichi immaturi sono quelli ancora acerbi e di colore verde. La loro polpa è soda e gessosa, con un sapore amaro e astringente. Non sono adatti al consumo e vengono spesso utilizzati in cucina per la preparazione di conserve e marmellate.
2) Fichi semi-maturi: i fichi semi-maturi sono quelli che iniziano a cambiare colore, passando dal verde al giallo o al marrone. La loro polpa è ancora soda, ma inizia ad essere più dolce e meno astringente. Sono adatti al consumo e sono spesso utilizzati per la preparazione di dolci, marmellate e conserve.
3) Fichi maturi: i fichi maturi sono quelli completamente maturi, con una tonalità di colore che varia dal marrone chiaro al viola scuro. La loro polpa è succosa e dolce, con un sapore intenso e aromatico. Sono adatti al consumo diretto e sono spesso utilizzati come ingrediente in molte preparazioni, come insalate, salse, crostate e piatti di carne.
Il fico è originario delle regioni dell'Asia occidentale e della zona del Mediterraneo orientale. Si ritiene che la coltivazione del fico sia iniziata già 5000 anni fa, quando le popolazioni antiche dell'area mediterranea hanno iniziato a selezionare e coltivare le varietà di fico più adatte alle loro esigenze.
In seguito, la coltivazione del fico si è diffusa in altre parti del mondo, grazie alla sua grande resistenza alle condizioni climatiche avverse e alla sua capacità di adattarsi a diversi tipi di terreno. I Romani, ad esempio, importarono il fico in Europa durante le loro conquiste militari, diffondendolo poi in tutta l'area mediterranea. In seguito, la coltivazione del fico si è diffusa in America, dove è stata introdotta dai coloni europei a partire dal XVII secolo.
Attualmente, il fico è coltivato in molte parti del mondo, tra cui Italia, Spagna, Turchia, Grecia, Egitto, Israele, California e Sud America.







2. Varietà di Fico



Quali sono le varietà di fichi?


Esistono numerose varietà di fico, che si differenziano per il colore, la forma, la consistenza e il sapore della polpa. Ecco una descrizione delle principali varietà di fico coltivate nel mondo:

1) Fico nero: è una varietà di fico molto comune, caratterizzata dalla sua polpa scura e dolce, con una leggera nota di acidità. Ha una forma ovale o tondeggiante, con una buccia spessa di colore scuro.
Di seguito alcune delle principali varietà di fico nero coltivate in Italia:
- Fico nero di Trapani: questa varietà di fico è originaria della Sicilia e si distingue per la sua polpa scura, densa e zuccherina. Ha una forma tondeggiante e una buccia sottile di colore nero o viola scuro.
- Fico nero di Cosenza: questa varietà di fico è originaria della Calabria e si distingue per la sua polpa scura e dolce, con una nota di miele e frutta secca. Ha una forma tondeggiante e una buccia sottile di colore nero o viola scuro.
-  Fico nero di Collezione: questa varietà di fico è originaria della Toscana e si distingue per la sua polpa scura e zuccherina, con una nota di frutta secca. Ha una forma tondeggiante o ovale e una buccia sottile di colore nero o viola scuro.
- Fico nero di Bifera: questa varietà di fico è originaria della Puglia e si distingue per la sua polpa scura e dolce, con una nota di marmellata e vaniglia. Ha una forma tondeggiante o allungata e una buccia sottile di colore nero o viola scuro.
- Fico nero di Predappio: questa varietà di fico è originaria dell'Emilia Romagna e si distingue per la sua polpa scura e dolce, con una nota di marmellata e caramello. Ha una forma tondeggiante o allungata e una buccia sottile di colore nero o viola scuro.

2) Fico bianco: è una varietà di fico molto apprezzata per la sua polpa delicata e dolce, con un sapore leggermente meno intenso rispetto al fico nero. Ha una forma tondeggiante o allungata, con una buccia sottile e di colore chiaro.
Di seguito alcune delle principali varietà di fico bianco coltivate in Italia:
- Fico bianco di Torre: questa varietà di fico è originaria della Campania e si distingue per la sua polpa bianca, dolce e succosa, con una nota di miele. Ha una forma tondeggiante e una buccia sottile di colore verde-bianco.
- Fico bianco di Cosenza: questa varietà di fico è originaria della Calabria e si distingue per la sua polpa bianca e dolce, con una nota di vaniglia e crema. Ha una forma tondeggiante e una buccia sottile di colore verde-bianco.
- Fico bianco di Napoli: questa varietà di fico è originaria della Campania e si distingue per la sua polpa bianca e dolce, con una nota di miele e frutta secca. Ha una forma tondeggiante e una buccia sottile di colore verde-bianco.
- Fico bianco del Cilento: questa varietà di fico è originaria della Campania e si distingue per la sua polpa bianca e dolce, con una nota di vaniglia e caramello. Ha una forma tondeggiante e una buccia sottile di colore verde-bianco..

3) Fico dottato: è una varietà di fico originaria dell'Asia centrale, caratterizzata dalla sua polpa dolce e succosa, con una nota di caramello. Ha una forma allungata o tondeggiante, con una buccia sottile e di colore verde.
Di seguito alcune delle principali varietà di fico dottato coltivate in Italia:
- Fico dottato di Palermo: è una varietà di fico dottato originaria della Sicilia e si caratterizza per il suo frutto di medie dimensioni, dalla forma tondeggiante, con una polpa dolce, succosa e profumata. Ha una buccia sottile e di colore verde-giallo.
- Fico dottato di San Pietro: è una varietà di fico dottato originaria della Calabria e si caratterizza per il suo frutto di medie dimensioni, dalla forma tondeggiante, con una polpa dolce, succosa e profumata. Ha una buccia sottile e di colore verde-giallo.
- Fico dottato di Dottato nero: è una varietà di fico dottato originaria della Puglia e si caratterizza per il suo frutto di medie dimensioni, dalla forma tondeggiante, con una polpa dolce, succosa e dal colore rosso intenso. Ha una buccia sottile di colore nero o viola scuro.
- Fico dottato di Bari: è una varietà di fico dottato originaria della Puglia e si caratterizza per il suo frutto di medie dimensioni, dalla forma tondeggiante, con una polpa dolce e succosa, con una nota di frutta fresca. Ha una buccia sottile di colore verde-giallo.
- Fico dottato di Napoli: è una varietà di fico dottato originaria della Campania e si caratterizza per il suo frutto di grandi dimensioni, dalla forma tondeggiante, con una polpa dolce, succosa e dal sapore delicato. Ha una buccia sottile di colore verde-giallo.

4) Fico celeste: il fico celeste è una varietà di fico originaria dell'Asia, caratterizzata dalla sua polpa dolce e cremosa, con una nota di fragola. Ha una forma tondeggiante o allungata, con una buccia sottile e di colore viola scuro.
Ecco alcune delle principali varietà di fico Celeste:
- Fico Violette de Bordeaux: questa varietà ha una buccia viola scuro e una polpa rossastra. Si caratterizza per il suo sapore dolce e delicato e viene consumata principalmente fresca o utilizzata per la produzione di marmellate e gelatine.
- Fico Nero di Caromb: questa varietà ha una buccia nera e una polpa rossastra. Si caratterizza per il suo sapore dolce e intenso e viene consumata principalmente fresca o utilizzata per la produzione di marmellate e dolci.
- Fico Petrelli: questa varietà ha una buccia viola scuro e una polpa rosa. Si caratterizza per il suo sapore dolce e aromatico e viene consumata principalmente fresca o utilizzata per la produzione di marmellate e gelatine.
- Fico Panachee: questa varietà ha una buccia verde con striature bianche e una polpa rosa. Si caratterizza per il suo sapore dolce e delicato e viene consumata principalmente fresca o utilizzata per la produzione di marmellate e dolci.



3. Benefici e controindicazioni del Fico



Quali sono i benefici del fico? A cosa fa bene mangiare fichi? Quali sono le controindicazioni dei fichi? Quando non mangiare i fichi?


Il fico, composto principalmente da acqua e carboidrati, è un frutto  ricco di proprietà benefiche per la salute, grazie alla presenza di nutrienti importanti come:
- Vitamine: è una buona fonte di vitamine del gruppo B, tra cui vitamina B6, tiamina e riboflavina. Queste vitamine sono importanti per la produzione di energia, la salute del sistema nervoso e la formazione di globuli rossi. Presenta anche vitamina A, che è importante per la salute degli occhi, della pelle e delle membrane mucose, supporta anche il sistema immunitario e una fonte moderata di vitamina C, importante per la salute della pelle, delle ossa e dei denti, e aiuta ad assorbire il ferro. Il fico contiene anche vitamina K, che aiuta a coagulare il sangue e a mantenere la salute delle ossa
- Minerali: è ricco di minerali come il potassio, il calcio, il magnesio e il ferro. Il potassio aiuta a mantenere l'equilibrio idrico dell'organismo e la salute del cuore, mentre il calcio e il magnesio sono importanti per la salute delle ossa. Il ferro è fondamentale per la formazione dei globuli rossi e il trasporto dell'ossigeno.
- Fibre: contiene buone quantità di fibre solubili e insolubili, che aiutano a regolare la digestione, a prevenire la stitichezza e a mantenere il senso di sazietà. Le fibre insolubili aiutano inoltre a ridurre il rischio di malattie del colon e di diverticolite.
- Antiossidanti: il fico contiene antiossidanti come i polifenoli e i carotenoidi, che aiutano a proteggere le cellule dai danni dei radicali liberi e a prevenire l'invecchiamento precoce e il rischio di malattie croniche come il cancro e le malattie cardiache.
- Zuccheri naturali: è un frutto molto dolce grazie alla presenza di zuccheri naturali come il fruttosio e il glucosio. Questi zuccheri forniscono energia immediata all'organismo e sono un'alternativa più salutare al consumo di zuccheri raffinati.
Si possono mangaireanche 3-4 fichi al giorno purché associati ad altri alimenti, in modo tale di non rischiare di far innalzare troppo la glicemia.

In generale, il consumo moderato di fichi freschi non dovrebbe causare particolari controindicazioni per la maggior parte delle persone. Tuttavia, ci sono alcune cose da considerare:
1) Alto contenuto di zucchero: i fichi freschi contengono naturalmente zuccheri come il fruttosio e il glucosio. Anche se questi zuccheri sono naturali, possono ancora aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Le persone con diabete dovrebbero mangiare fichi con moderazione.
2) Effetti lassativi: i fichi sono noti per avere effetti lassativi e possono causare diarrea o disturbi gastrointestinali se mangiati in grandi quantità. Anche se questo può essere benefico per alcune persone con stitichezza, può essere un problema per coloro che hanno problemi di diarrea o di stomaco.
3) Allergia: le persone con allergia alle piante della famiglia del fico, come il gelso, possono essere sensibili ai fichi e dovrebbero evitarli.
4) Presenza di pesticidi: i fichi possono contenere residui di pesticidi, quindi è importante lavarli accuratamente prima di mangiarli, preferibilmente acquistandoli da fonti sicure.

 

4. Proprietà nutrizionali del Fico

 


Quali sono le proprietà del fico? Cosa contiene il fico? Quante calorie hanno i fichi freschi? Quanto zucchero ha un fico? Quali vitamine contiene il fico? Quali minerali contiene il fico?

 

Nella tabella sottostante sono presenti la composizione chimica e il valore energetico per 100g di fichi.

 

 

Nutriente

Quantità per 100 g

Energia

74 kcal

Acqua

79 g

Proteine

0,8 g

Grassi

0,3 g

Carboidrati

19,2 g

Fibre

2,9 g

Zucchero

16,3 g

Calcio

35 mg

Ferro

0,4 mg

Magnesio

17 mg

Fosforo

14 mg

Potassio

232 mg

Vitamina A

7 µg

Vitamina B1 (Tiamina)

0,06 mg

Vitamina B2 (Riboflavina)

0,05 mg

Vitamina B3 (Niacina)

0,4 mg

Vitamina B5 (Acido pantotenico)

0,3 mg

Vitamina B6 (Piridossina)

0,1 mg

Vitamina B9 (Acido folico)

6 µg

Vitamina C

2 mg

Vitamina E

0,11 mg

Vitamina K

4,7 µg

 

5. Ricetta facile e gustosa


"Marmellata di Fichi Fatta in Casa"



"Scopri come preparare una deliziosa marmellata di fichi fatta in casa con questa semplice e gustosa ricetta. La dolcezza naturale dei fichi si unisce al profumo di limone in questa deliziosa conserva autunnale. Segui la nostra guida passo dopo passo per creare una marmellata perfetta da spalmare sul pane, utilizzare per farcire dolci o per regalare un tocco speciale alle tue colazioni. Non perdere l'occasione di gustare questa prelibatezza fatta in casa!"





Tempi di preparazione

Preparazione e pulizia dei fichi: 10-15 minuti
Taglio e cottura dei fichi: 5 minuti
Aggiunta dello zucchero e del limone: 5 minuti
Cottura e addensamento della marmellata: 40-50 minuti
Bagnomaria: 10-15 minuti.

Tempo totale approssimativo: circa 90 minuti



Ingredienti


- 1 kg di fichi freschi e maturi
- 500 g di zucchero di canna
- Il succo e la scorza di un limone biologico
- Vaniglia (opzionale)


Istruzioni


1. Preparazione e pulizia dei fichi: inizia la preparazione della marmellata lavando accuratamente i fichi sotto acqua corrente. Asciugali delicatamente con un canovaccio pulito. Rimuovi il picciolo dai fichi e, se necessario, scarta eventuali parti danneggiate. Una volta puliti, taglia i fichi a pezzetti di dimensioni uniformi, in modo da favorire una cottura omogenea.
2. Taglio e cottura dei fichi: metti i pezzetti di fichi tagliati in una pentola capiente. Aggiungi il succo di limone e la scorza grattugiata del limone biologico per dare un tocco di freschezza alla marmellata. Se desideri un aroma extra, puoi aggiungere anche un po' di vaniglia a questo punto (la vaniglia è opzionale ma può arricchire il sapore complessivo).
3. Aggiunta dello zucchero e del limone: versa lo zucchero di canna sopra i fichi e mescola bene per distribuirlo uniformemente. Il limone e lo zucchero aiuteranno a conferire alla marmellata una consistenza gelatinosa. Lascia riposare i fichi con lo zucchero per circa 1-2 ore, in modo che si formi un po' di succo naturale.
4. Cottura e addensamento della marmellata: metti la pentola sul fuoco a fiamma media e porta il composto di fichi, zucchero e limone a ebollizione. Continua a cuocere a fuoco medio-basso, mescolando di tanto in tanto per evitare che la marmellata si attacchi alla pentola. Lascia cuocere per circa 40-50 minuti, o fino a quando la marmellata si sarà addensata e avrà raggiunto la giusta consistenza. Puoi fare una prova della consistenza lasciando cadere una piccola quantità di marmellata su un piattino freddo: se si forma una pellicola e non scivola subito, la marmellata è pronta.
5. Riempi i barattoli con la marmellata: versa la marmellata ancora calda nei barattoli preparati, lasciando circa 1 cm di spazio vuoto sotto il bordo del barattolo. Assicurati che il bordo del barattolo sia pulito e libero da residui di marmellata.
6. Chiudi i barattoli: posiziona i coperchi sul barattolo e avvitandoli bene, ma non eccessivamente stretti. Questo permette all'aria di fuoriuscire durante il processo di bagnomaria e poi di sigillare ermeticamente il barattolo.
7. Bagnomaria: prepara una pentola abbastanza grande da contenere i barattoli in piedi e riempila con acqua. Porta l'acqua a ebollizione. Una volta che l'acqua bolle, abbassa leggermente la fiamma e posiziona i barattoli nell'acqua. Assicurati che i barattoli siano completamente coperti d'acqua e cuoci per circa 10-15 minuti.
8. Raffreddamento e sigillatura: dopo il tempo indicato, utilizza delle pinze per rimuovere i barattoli dalla pentola d'acqua bollente. Posizionali su un piano resistente al calore e lasciali raffreddare completamente. Durante il raffreddamento, sentirai un caratteristico "pop" mentre il barattolo si sigilla ermeticamente.
9. Verifica il sigillo: dopo il completo raffreddamento, controlla i coperchi dei barattoli. Se il coperchio è concavo e non si muove quando premuto, il sigillo è stato formato correttamente, e la marmellata sarà ben conservata per mesi.


Ora sei pronto a gustare la tua deliziosa marmellata di fichi fatta in casa! Spalma questa golosa conserva su pane tostato, biscotti o utilizzala per farcire torte e dolci per un tocco di dolcezza e sapore unico. Buon appetito!

Recensioni certificate

Sappiamo come rendervi felici