3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Fagiolini -

Scopri i Benefici dei Fagiolini: Valori Nutrizionali, Controindicazioni e Ricetta Semplice

In questo articoli sui Fagiolini troverai:




1. Descrizione e origini dei Fagiolini
2. Varietà di Fagiolini
3. Benefici e controindicazioni dei Fagiolini
4. Tabella Valori Nutrizionali dei Fagiolini
5. Ricetta con Fagiolini Saporita e Veloce:"Fagiolini Saltati in Padella con Pomodorini e Basilico"
6. Domande frequenti sui Fagiolini




1.
Descrizione e origine dei Fagiolini



Che cosa sono i fagiolini?  I fagiolini sono verdure o legumi? 

 

I fagiolini, conosciuti come “mangiatutto o cornetti",  sono una pianta annuale molto comune in Italia, appartenenti alla famiglia delle Leguminose. Si tratta di fagioli raccolti quando sono immaturi, con semi ancora a livello embrionale e pertanto morbidi e molto piccoli.
La loro forma è allungata e sottile, con una lunghezza che varia dai 10 ai 20 centimetri. I fagiolini sono di solito di colore verde, ma esistono anche varietà gialle, viola o striate.
I fagiolini sono noti per il loro sapore delicato e la loro consistenza croccante.
Sono disponibili durante tutto l'anno in scatola o surgelati, ma la loro stagionalità varia a seconda della zona geografica. In Italia, ad esempio, i fagiolini freschi sono più facilmente reperibili tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate, generalmente da maggio a settembre. Durante questi mesi, i fagiolini sono raccolti freschi e possono essere trovati nei mercati locali o nei supermercati.
I fagiolini sono un alimento molto versatile che si presta a molte preparazioni in cucina, dalla semplice cottura al vapore al saltare in padella con spezie e altri ingredienti.


Quali sono le origini dei fagiolini?



I fagiolini hanno una storia lunga e interessante che li ha visti protagonisti della cucina di molte culture e paesi nel corso dei secoli.
Sono originari dell'America Centrale e del Sud, dove sono stati coltivati per la prima volta da popolazioni indigene. Si ritiene che la coltivazione dei fagiolini sia iniziata circa 7.000 anni fa, nell'area dell'attuale Messico.
Dopo la scoperta dell'America da parte degli Europei, i fagiolini sono stati introdotti in Europa nel XVI secolo, dove suscitarono subito grande interesse tra i cuochi e gli appassionati di gastronomia. La loro coltivazione si diffuse rapidamente in tutta Europa e nel corso dei secoli vennero selezionate nuove varietà con caratteristiche sempre più interessanti, come i fagiolini striati, gialli o viola. In particolare, i fagiolini divennero molto popolari in Francia, dove ancora oggi sono utilizzati in molte ricette tradizionali.
Con il passare degli anni, la coltivazione dei fagiolini si è diffusa in tutto il mondo, diventando oggi una delle varietà di fagioli più coltivate e consumate a livello globale. Le varietà di fagiolini che si trovano oggi nei mercati sono il risultato di un lungo processo di selezione e incrocio genetico, che ha portato alla creazione di diverse varietà con caratteristiche diverse in termini di sapore, forma e colore.
Oggi, i fagiolini sono coltivati in molti paesi del mondo, dalle Americhe, all'Europa, all'Asia e all'Africa.
Le varietà coltivate possono variare a seconda della zona geografica e delle tradizioni culinarie locali, ma tutti hanno in comune la forma allungata e sottile e il sapore delicato.

 


2. Varietà di Fagiolini



Quali sono le varietà di fagiolini?


Di seguito sono presenti le principali varietà di fagiolini che si  trovano sul mercato:

1) Fagiolini verdi: questa è la varietà più comune di fagiolini, caratterizzata da un colore verde brillante e una forma allungata e sottile. I fagiolini verdi sono croccanti e delicati, e si prestano a molte preparazioni in cucina, dalla semplice cottura al vapore al saltare in padella con spezie e altri ingredienti.

2) Fagiolini gialli:
i fagiolini gialli sono una varietà meno comune, ma altrettanto gustosa e nutriente. Questi fagiolini hanno una tonalità di colore giallo brillante, e sono un po' più morbidi rispetto alla varietà verde.

3) Fagiolini striati:
questa varietà di fagiolini si caratterizza per una striatura di colore verde e giallo sulla superficie del baccello. I fagiolini striati sono molto decorativi e si prestano a molte preparazioni culinarie.

4) Fagiolini viola:
i fagiolini viola sono una varietà particolare, caratterizzati da un colore viola intenso e un sapore leggermente dolce. Questa varietà di fagiolini è molto ricca di antiossidanti, ed è particolarmente indicata per preparazioni esteticamente d'effetto.

5) Fagiolini nani:
questa varietà di fagiolini si presenta con una forma più corta e arrotondata rispetto alla varietà tradizionale. I fagiolini nani sono particolarmente adatti per la coltivazione in vaso o in giardino, e sono molto versatili in cucina.



3. Benefici e controindicazioni dei Fagiolini



Quali sono i benefici dei fagiolini? A cosa fanno bene i fagiolini? 



I fagiolini sono un alimento versatile e nutriente che offre numerosi benefici per la salute:

1. Nutrienti essenziali:
i fagiolini sono ricchi di vitamine e minerali essenziali per il corpo. Sono una buona fonte di vitamina C, vitamina K, vitamina A, vitamine del gruppo B (come la tiamina, la riboflavina e l'acido folico) e minerali come il potassio e il manganese. Questi nutrienti svolgono un ruolo importante nel sostenere la salute generale e il funzionamento del corpo.


2. Fibra alimentare:
i fagiolini contengono una buona quantità di fibra alimentare, sia insolubile che solubile. La fibra è fondamentale per la salute digestiva, poiché favorisce la regolarità intestinale, previene la stitichezza e supporta una flora intestinale sana. La presenza di fibre può anche contribuire a una sensazione di sazietà più duratura, aiutando così a controllare l'appetito e a mantenere un peso sano.


3. Antiossidanti:
i fagiolini sono ricchi di antiossidanti, come la vitamina C e i carotenoidi, che aiutano a proteggere le cellule dallo stress ossidativo causato dai radicali liberi. Gli antiossidanti possono svolgere un ruolo nella prevenzione di malattie croniche, come le malattie cardiache e alcune forme di cancro.


4. Benefici per la salute cardiovascolare:
grazie alla loro composizione nutrizionale, i fagiolini possono contribuire a una buona salute cardiovascolare. La presenza di fibre, potassio e antiossidanti può aiutare a mantenere la pressione sanguigna sotto controllo, ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e migliorare la funzione delle arterie, riducendo così il rischio di malattie cardiache.


5. Supporto per la salute ossea:
i fagiolini contengono vitamina K, che svolge un ruolo importante nella salute delle ossa. La vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue e nella mineralizzazione ossea, contribuendo a mantenere le ossa forti e sane nel corso della vita.


6. Controllo del glucosio nel sangue:
la fibra presente nei fagiolini può aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue. La fibra rallenta l'assorbimento degli zuccheri nel flusso sanguigno, evitando picchi improvvisi di glucosio. Questo può essere particolarmente vantaggioso per le persone con diabete o per il controllo del peso.


7. Sostegno al sistema immunitario:
grazie alla presenza di vitamina C e altri nutrienti, i fagiolini possono contribuire a rafforzare il sistema immunitario e a proteggere il corpo dalle infezioni. La vitamina C è nota per il suo ruolo nel sostenere la funzione immunitaria e nell'aiutare a prevenire e combattere i raffreddori e le infezioni respiratorie.



Quali sono le controindicazioni dei fagiolini? Chi soffre di colon irritabile può mangiare i fagiolini? Quando non mangiare fagiolini?



I fagiolini sono generalmente considerati sicuri per la maggior parte delle persone quando consumati come parte di una dieta equilibrata. Tuttavia, ci sono alcune controindicazioni e precauzioni da tenere in considerazione:


- Allergia: le persone con allergia alle leguminose, come i fagioli o i piselli, potrebbero essere sensibili anche ai fagiolini. In questi casi, è importante evitare il consumo di fagiolini per prevenire reazioni allergiche.


- Calcoli renali: i fagiolini contengono ossalati, che possono contribuire alla formazione di calcoli renali in alcune persone suscettibili. Coloro che hanno una storia di calcoli renali o sono a rischio di svilupparli potrebbero dover limitare il consumo di fagiolini o consultare un medico o un dietista per determinare la quantità appropriata da consumare.


- Gotta:
le persone affette da gotta, una forma di artrite causata da un accumulo di acido urico, potrebbero dover limitare il consumo di fagiolini. I fagiolini contengono purine, che possono essere convertite in acido urico nel corpo. Se hai la gotta o sei a rischio di svilupparla, parla con il tuo medico o un dietista per valutare se i fagiolini sono adatti alla tua dieta.


- Interazione con farmaci:
i fagiolini possono interagire con alcuni farmaci, come gli anticoagulanti o i farmaci per il diabete. I fagiolini contengono vitamina K, che può interferire con l'efficacia degli anticoagulanti. Inoltre, la fibra presente nei fagiolini può influenzare l'assorbimento dei farmaci per il diabete. Se stai assumendo farmaci, è importante consultare il tuo medico prima di aumentare significativamente il consumo di fagiolini.


- Effetti digestivi:
alcune persone potrebbero sperimentare gas, gonfiore o disturbi digestivi dopo aver consumato fagiolini. Questo può essere dovuto alla presenza di carboidrati complessi e fibre fermentabili nei fagiolini. Se hai una sensibilità digestiva o soffri di sindrome dell'intestino irritabile, potresti voler moderare il consumo di fagiolini o trovare il modo di prepararli che sia più tollerabile per il tuo sistema digestivo.




banner e-commerce Leaderfarma


 


4.
Tabella Valori Nutrizionali dei Fagiolini



Quante calorie contengono i fagiolini? Quali vitamine contengono i fagiolini? Quali minerali contengono i fagiolini?


Nella tabella sottostante sono presenti la composizione chimica e il valore energetico per 100g di fagiolini.

 

 

Nutriente

 Quantità per 100 g

Calorie

31 kcal

Acqua

90,5 g

Proteine

1,8 g

Carboidrati

4,4 g

- di cui zuccheri

2,3 g

Grassi

0,2 g

di cui saturi

0 g

Fibre

2,7 g

Sodio

2 mg

Vitamina A

33 mcg

Vitamina C

16 mg

Vitamina E

0,08 mg

Vitamina K

9 mcg

Tiamina (Vitamina B1)

0,09 mg

Riboflavina (Vitamina B2)

0,1 mg

Niacina (Vitamina B3)

0,5 mg

Vitamina B6

0,12 mg

Folati (Vitamina B9)

47 mcg

Calcio

37 mg

Ferro

1 mg

Magnesio

25 mg

Fosforo

38 mg

Potassio

198 mg

Zinco

0,2 mg

Rame

0,06 mg

Selenio

0,2 mcg

Acidi grassi saturi

0 g

Acidi grassi monoinsaturi

0 g

Acidi grassi polinsaturi

0,1 g

Colesterolo

0 mg

 



5. Ricetta con i Fagiolini saporita e veloce



"Fagiolini Saltati in Padella con Pomodorini e Basilico"



Scopri come preparare un contorno saporito e veloce con i fagiolini freschi! Questa ricetta di fagiolini saltati in padella con pomodorini e basilico è un'esplosione di sapori freschi e naturali. Aggiungi un tocco mediterraneo ai tuoi pasti con questo contorno facile e delizioso!"


ricetta fagiolini saltati in padella con i pomodori

 

Fagiolini Saltati in Padella con Pomodorini e Basilico: Ingredienti


- 500 g di fagiolini freschi, puliti e tagliati a metà
- 250 g di pomodorini ciliegini, tagliati a metà
- 2 spicchi d'aglio, tagliati a metà
- 2 cucchiai di olio d'oliva extra vergine
- 1 cucchiaio di aceto balsamico
- 1 mazzetto di basilico fresco, foglie strappate
- Sale q.b.
- Peperoncino rosso secco (facoltativo, per un tocco piccante)



Fagiolini Saltati in Padella con Pomodorini e Basilico: Istruzioni



1. Preparazione dei fagiolini: lavare accuratamente i fagiolini sotto acqua corrente e asciugarli delicatamente. Tagliarli a metà per facilitarne la cottura e per ottenere pezzi più gestibili.

2. Cottura dei fagiolini e dei pomodorini:
in una grande padella, scaldare l'olio d'oliva a fuoco medio. Aggiungere gli spicchi d'aglio e farli soffriggere finché non diventano dorati e aromatici. Aggiungere i fagiolini nella padella e farli saltare per 3-4 minuti fino a quando diventano teneri ma ancora croccanti. Aggiungere i pomodorini ciliegini tagliati a metà nella padella con i fagiolini e continuare a saltare per altri 2-3 minuti fino a quando i pomodorini si ammorbidiscono leggermente. Infine aggiungere le foglie di basilico fresco e mescolare delicatamente per amalgamare i sapori.


3. Condimento finale:
spruzzare l'aceto balsamico sui fagiolini e i pomodorini, regolandolo secondo il proprio gusto. Aggiustare il sale a piacere. Se preferisci un tocco piccante, puoi aggiungere peperoncino rosso secco a questo punto.


4. Servizio:
trasferire i fagiolini saltati in padella con pomodorini e basilico in un piatto da portata. Puoi guarnire con alcune foglie di basilico fresco per un tocco decorativo.




6. Domande frequenti sui Fagiolini




Quali sono i benefici dei fagiolini per la salute?



I fagiolini sono ricchi di vitamine A, C, e K, fibre alimentari, acido folico e antiossidanti. Sono a basso contenuto calorico e aiutano a migliorare la digestione, promuovere la salute degli occhi e delle ossa, e ridurre il rischio di malattie croniche.




Quali sono i valori nutrizionali dei fagiolini?



Una porzione di 100 grammi di fagiolini contiene circa 31 calorie, 0,2 grammi di grassi, 7 grammi di carboidrati, 3,4 grammi di fibre e 1,8 grammi di proteine. Sono anche una buona fonte di vitamine e minerali essenziali.




Come cucinare i fagiolini?



I fagiolini possono essere cotti al vapore, bolliti, saltati in padella o arrostiti. Per mantenere il loro colore verde brillante, cuocili brevemente e immergili in acqua ghiacciata subito dopo la cottura.




I fagiolini sono adatti per una dieta vegetariana o vegana?



Sì, i fagiolini sono perfetti per una dieta vegetariana o vegana. Sono una fonte eccellente di proteine vegetali, fibre e vari nutrienti essenziali, rendendoli un'ottima aggiunta a queste diete.




Quali sono le controindicazioni del consumo di fagiolini?



I fagiolini sono generalmente sicuri per la maggior parte delle persone. Tuttavia, in rari casi, alcune persone possono essere allergiche ai fagiolini o possono sperimentare disturbi digestivi se consumati in grandi quantità.




Quali sono i diversi tipi di fagiolini e le loro caratteristiche?



Esistono diversi tipi di fagiolini, tra cui i fagiolini verdi (standard), i fagiolini viola, e i fagiolini gialli (ceroso). Ogni varietà ha una consistenza croccante e un sapore leggermente dolce, e può essere utilizzata in vari piatti.




Come conservare i fagiolini cotti?



I fagiolini cotti possono essere conservati in un contenitore ermetico in frigorifero per 3-5 giorni. Per una conservazione più lunga, puoi congelarli: sbollentali prima in acqua bollente per 2-3 minuti, immergili in acqua ghiacciata, asciugali bene e poi congelali in sacchetti da freezer.




I fagiolini possono causare gonfiore o gas?



I fagiolini contengono fibre e possono causare gonfiore o gas in alcune persone, specialmente se consumati in grandi quantità. Per ridurre questo effetto, è consigliabile introdurli gradualmente nella dieta e assicurarsi di masticarli bene.




I fagiolini contengono glutine?



No, i fagiolini sono naturalmente privi di glutine, rendendoli una scelta ideale per coloro che seguono una dieta senza glutine.




I fagiolini vanno sbucciati prima di essere consumati?



No, i fagiolini non richiedono di essere sbucciati. Sono consumati interi, inclusi i baccelli, dopo aver rimosso le estremità.



Fonti dell'articolo:


SNAP-Ed



Le informazioni presentate in questo documento sono fornite solo a scopo informativo e non intendono sostituire il consiglio di un medico o di altri professionisti sanitari. Non devono essere utilizzate per diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. Le raccomandazioni alimentari e le dichiarazioni relative ai benefici per la salute degli alimenti possono variare a seconda delle condizioni di salute individuali. Prima di apportare qualsiasi cambiamento significativo alla dieta o se avete condizioni mediche specifiche, consultate sempre un professionista sanitario qualificato.