3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Spedizioni gratuite oltre i 80,01 €

Onicofagia

Cos'Ŕ? quali sono i sintomi, le cause e i rimedi.

In questo articolo troverai….

 

  • Cos'è l'onicofagia?
  • Quali sono le cause dell'onicofagia?
  • Rimedi per contrastare l'onicofagia
  • Buone abitudini da seguire
  • Leaderfarma consiglia



Cos'è l'onicofagia?


L'onicofagia è un disturbo compulsivo che porta a mangiare le proprie unghie e, nei casi più gravi, anche le pellicine e le cuticole circostanti, con conseguenze che possono essere pericolose sia a livello fisico che psicologico. E' un problema molto diffuso, che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

Questo disturbo è frequente nelle persone che vivono una condizione di stress, con le prime manifestazione che nella maggior parte dei casi iniziano in età preadolescenziale e che tendono a scomparire col tempo, una buona percentuale di persone però conservano l'onicofagia anche da adulti.

 

Quali sono le cause dell'onicofagia?


Le cause dell'onicofagia sono ancora poco chiare, ma si ritiene che possano essere di natura psicologica e/o psichiatrica. In molti casi, infatti, l'onicofagia è associata a disturbi come l'ansia, la depressione e il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC). Si è studiato infatti che il gesto di mangiare le unghie permette inconsciamente al soggetto di scaricare l'ansia e di controllare i propri impulsi.

Alcuni studi hanno inoltre suggerito che l'onicofagia possa essere un comportamento appreso: se si vede qualcuno mordicchiarsi le unghie o mangiarsi le cuticole, infatti, è più probabile che anche noi facciamo lo stesso.

 

Quali sono i rimedi contro l'onicofagia?


I rimedi contro l'onicofagia sono diversi e dipendono dalla gravità del disturbo. In linea generale, però, si può ricorrere alla psicoterapia e alla terapia cognitivo-comportamentale.

Solo in casi gravi è necessario anche il ricorso a farmaci antidepressivi o ansiolitici.

 

Quali sono le buone abitudini da seguire per contrastare l'onicofagia?


Per contrastare l'onicofagia è importante seguire alcune buone abitudini. Innanzitutto, è importante cercare di identificare e gestire lo stress e l'ansia: questi due fattori infatti sono spesso alla base del disturbo.

In secondo luogo, è importante tenere le unghie pulite e ben curate: questo può aiutare a ridurre il prurito e la sensazione di fastidio che portano alla necessità di mangiarle.

Possiamo rissumere alcune buone abitudini da seguire:

  • mantenere sempre le unghie corte e ben curate, facendo regolarmente la manicure;
  • applicare sulle unghie uno smalto (trasparente o colorato);
  • lavorare sulla gestione dell'ansia, aiutandosi con la psicoterapia o con tecniche specifiche di rilassamento ( meditazione o yoga );

 

Leaderfarma consiglia


Per il trattamento dell'onicofagia i farmaciasti di Leaderfarma.it consigliano alcuni ottimi prodotti che potrai trovare in fondo alla pagina.

Cliccando sui prodotti che più vi interessano potrete visualizzare le relative schede-prodotto dettagliate, in modo da capire quale possa fare al caso vostro.
Inoltre è attiva la sezione " hai domande?" (sempre all'interno delle singole schede prodotto), attraverso la quale potrete chiederci qualsiasi cosa sul prodotto e/o disturbo sul quale avete delle curiosità.

Speriamo che queste informazioni ti siano state di aiuto. Continua a seguire il nostro blog e rimani aggiornato su tutte le nostre offerte.

 


Tutte le informazioni contenute in questo articolo sono fornite a solo scopo informativo, in nessun caso costituiscono la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Come specificato in ogni articolo se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.

 

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...

Recensioni certificate

Sappiamo come rendervi felici