3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Lattuga -

LATTUGA

 

 

1. Descrizione e origini della Lattuga
2. Varietà di Lattuga
3. Benefici e controindicazioni della Lattuga
4. Composizione chimica e valore energetico
5. Ricetta originale e sana con lattuga:
"Involtini di Lattuga Ripieni"

 

 

 

1. Descrizione e origini della Lattuga



Che cos'è la lattuga? Da dove ha origine il nome lattuga? Quali sono le origini della lattuga?


La lattuga (Lactuca sativa) è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Asteraceae. È costituita da un apparato radicale composto, a sua volta, da un corto fittone e radici superficiali e foglie basali di varia forma, ovate o allungate, dal colore che varia dal verde più o meno chiaro al rosso-violaceo o al bianco in base alle diverse varietà.
La lattuga è una delle verdure a foglia più popolari e viene utilizzata in tutto il mondo per insalate, sandwich, hamburger e come ingrediente per molti piatti.
Il suo nome deriva dal latino lac, lactis (latte) per via del liquido lattiginoso biancastro ed amarognolo che fuoriesce dalla recisione del cespo.
La lattuga ha una lunga storia di coltivazione e consumo, risalente a migliaia di anni fa. Le sue origini esatte sono incerte, ma si ritiene che la pianta sia originaria delle regioni dell'Asia centrale, come l'attuale Afghanistan e Iran. È possibile che la lattuga selvatica sia stata raccolta e consumata molto prima della sua coltivazione.

È stata coltivata per la prima volta dagli antichi egizi circa 4.500 anni fa. Gli egizi apprezzavano la lattuga per le sue proprietà rinfrescanti e la utilizzavano come ingrediente nelle loro insalate. La pianta era anche associata alla dea della fertilità, Iside, e veniva utilizzata nei riti religiosi.
Successivamente, la lattuga si diffuse in altre parti del Mediterraneo, come la Grecia e la Roma antica, dove divenne una verdura popolare. I romani apprezzavano la lattuga per il suo sapore delicato e la consideravano un alimento rinfrescante e digestivo. La pianta veniva anche coltivata in giardini pensili e utilizzata per decorare i piatti.
Durante il Medioevo, la coltivazione della lattuga si diffuse in tutta Europa grazie all'espansione dell'Impero romano. Era una coltura comune nei monasteri e veniva consumata principalmente come verdura cotta. Nel corso dei secoli, furono sviluppate diverse varietà di lattuga con caratteristiche specifiche, come la lattuga romana e la lattuga iceberg.
Con l'arrivo dell'era delle scoperte e delle esplorazioni nel XV secolo, fu portata nel Nuovo Mondo dagli esploratori europei. La pianta si diffuse rapidamente nelle Americhe e divenne parte integrante della dieta dei coloni.
Nel corso dei secoli successivi, la coltivazione della lattuga si è estesa in tutto il mondo, con varietà adattate ai diversi climi e ambienti. Oggi, la lattuga è coltivata su scala commerciale in molti paesi, inclusi Stati Uniti, Cina, India, Italia, Spagna e Francia.

 

 

2. Varietà di Lattuga



Quali sono le varietà di lattuga?


Al genere botanico lattuga appartengono numerose varietà che differiscono molto tra loro in aspetto e tecniche culturali. Di seguito un elenco delle più diffuse:

1. Lattuga Romana: si tratta della varietà più diffusa, le sue foglie sono voluminose e leggermente ondulate, di colore verde brillante, e si raccolgono in un cespo lungo e stretto. La sua consistenza è carnosa ma non particolarmente croccante ed un gusto dolce con una nota amabilmente amarognola. Le sotto-varietà differiscono principalmente per colore, stagione e consistenza. Tra di esse ricordiamo la Verde degli Ortolani, la Marvel, la Bianca d’Inverno e la Gigante Bianca e Rossa.
2. Cappuccio: da non confondere con il cavolo cappuccio, questa insalata ha un cespo tipicamente tondo. Le foglie sono consistenti e ondulate con colorazione da verde chiaro a scuro, in alcuni casi rosso. La più conosciuta tra le sotto-varietà è la Trocadero, specie invernale di colore verde-biondo. Dello stesso periodo, la Parella, la Meraviglia quattro stagioni, la Bruna e la Meraviglia d’inverno.
3. Iceberg: è l’insalata croccante per eccellenza. Dal cuore centrale molto sviluppato, presenta foglie dal bordo frastagliato che formano un cespo tondo e compatto dal colore che varia da verde chiaro a verde chiarissimo. Di Iceberg esistono almeno tre sotto-varietà dai nomi molto evocativi: Great Lake, Regina dei Ghiacci e Resisto, quest’ultima particolarmente curiosa per la capacità di sopportare le alte temperature.
4. Canasta: ha un cespo largo e compatto che si sviluppa a partire da un cuore chiaro e tenero. Le sue foglie dai bordi dentellati, sono carnose ma non particolarmente croccanti. Apprezzata per il suo gusto dolce e consistenza croccante. Le principali sottospecie di Canasta sono la Batavia, dalle foglie più increspate con bordo ondulato, e la Ubriacona umbra, tipica del centro Italia.
5. Lollo: prende nome dall’attrice Gina Lollobrigida, in omaggio ai suoi capelli ricci che ricordano le foglie di questa varietà. Ha un cespo aperto e foglie tenere e consistenti, arricciate ai bordi di colore verde intenso o rosso. Da provare non solo nell’insalata, ma anche nel risotto e nelle torte salate.
6. Gentile o Foglia di quercia: è una varietà così chiamata perché ricorda moltissimo la silhouette fogliare dell’albero centenario. Presenta un cespo allungato con un cuore che non forma un cappuccio, ma rimane aperto e foglie molto frastagliate, di colore verde intenso e brillante, increspate e tenere. La sua particolarità è il sapore vagamente tostato con retrogusto di frutta secca.



3. Benefici e controindicazioni della Lattuga




Quali sono i benefici della lattuga? A cosa fa bene la lattuga? Quali sono le controindicazioni della lattuga? Quando non mangiare la lattuga?


La lattuga offre diversi benefici per la salute grazie alla sua composizione nutrizionale. Eccone alcuni dei principali:
1. Apporto di nutrienti: la lattuga è un alimento a basso contenuto calorico, ma ricco di nutrienti essenziali. È una buona fonte di vitamine, tra cui vitamina A, vitamina K, vitamina C e vitamine del gruppo B (come acido folico). Contiene anche minerali come potassio, calcio, magnesio e ferro.
2. Idratazione: la lattuga è composta per lo più da acqua, il che la rende un alimento idratante. È particolarmente utile durante i periodi di caldo estivo o quando si cerca di mantenere l'idratazione.
3. Fibre: la lattuga è ricca di fibre alimentari, che sono importanti per la regolarità intestinale e per favorire una buona salute digestiva. Le fibre alimentari possono anche contribuire al senso di sazietà, aiutando a controllare l'appetito e a gestire il peso corporeo.
4. Antiossidanti: la lattuga contiene antiossidanti come la vitamina C e la vitamina A, che aiutano a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi. Gli antiossidanti possono svolgere un ruolo nella prevenzione di malattie croniche, come le malattie cardiovascolari e alcune forme di cancro.
5. Benefici per la vista: la lattuga è una buona fonte di vitamina A e di composti fitochimici come i carotenoidi, che sono importanti per la salute degli occhi. La vitamina A è essenziale per la vista notturna e può aiutare a mantenere una buona salute oculare nel complesso.
6. Effetti calmanti: la lattuga contiene sostanze che possono avere un effetto calmante e rilassante sul sistema nervoso. Ad esempio, la lattuga contiene una sostanza chiamata lactucarium, che può avere proprietà sedative leggere e contribuire a favorire il sonno.
7. Supporto al sistema immunitario: grazie al suo contenuto di vitamina C, la lattuga può sostenere il sistema immunitario e favorire la difesa del corpo contro le infezioni.

La lattuga è generalmente considerata sicura per il consumo e ben tollerata dalla maggior parte delle persone. Tuttavia, in alcune circostanze o per alcune persone, possono verificarsi alcune controindicazioni o precauzioni da considerare:

- Allergie: alcune persone possono essere allergiche alla lattuga o ad altre verdure della stessa famiglia, come gli spinaci o il sedano. Le reazioni allergiche possono manifestarsi con sintomi come prurito, gonfiore, eruzione cutanea, difficoltà respiratorie o disturbi gastrointestinali. In caso di sospetta allergia, è consigliabile consultare un medico.
- Intolleranza alimentare: alcune persone possono avere difficoltà a digerire le fibre presenti nella lattuga e sviluppare sintomi come gonfiore addominale, flatulenza o diarrea. In questi casi, ridurre la quantità di lattuga consumata o optare per varietà di lattuga più morbide può aiutare a ridurre i sintomi.
- Contaminazione batterica: come per altre verdure a foglia verde, la lattuga può essere soggetta a contaminazione batterica, come l'infezione da Escherichia coli (E. coli) o Salmonella. È importante lavare accuratamente la lattuga prima del consumo e osservare le corrette pratiche di igiene alimentare per ridurre il rischio di contaminazione.
- Interazioni farmacologiche: alcuni composti presenti nella lattuga, come il lactucarium, possono avere un effetto sedativo leggero. Pertanto, se si assumono farmaci sedativi o sonniferi, potrebbe esserci un potenziale per interazioni o potenziamento degli effetti sedativi. Si consiglia di consultare un medico se si sta assumendo farmaci e si desidera includere grandi quantità di lattuga nella dieta.
- Consumo eccessivo di lattuga romana: la lattuga romana, in particolare, contiene ossalati, che possono contribuire alla formazione di calcoli renali nelle persone predisposte.
Come sempre, è importante consultare un medico o un professionista sanitario prima di apportare modifiche significative alla propria dieta, specialmente se si hanno condizioni mediche preesistenti o si assumono farmaci.





4. Composizione chimica e valore energetico



Quante calorie contiene la lattuga? Cosa contiene la lattuga? Quali vitamine contiene la lattuga? Quali minerali contiene la lattuga?


Nella tabella sottostante sono presenti la composizione chimica e il valore energetico per 100g di lattuga.



Nutriente

Quantità per 100g

Calorie

14 kcal

Proteine

0,9 g

Grassi

0,2 g

Carboidrati

2,9 g

Fibre

1,2 g

Zuccheri

1,2 g

Acqua

95,6 g

Vitamina A

148 µg

Vitamina C

2,8 mg

Vitamina K

17 µg

Vitamine del gruppo B

 

- Tiamina (B1)

0,057 mg

- Riboflavina (B2)

0,060 mg

- Niacina (B3)

0,375 mg

- Acido pantotenico (B5)

0,338 mg

- Vitamina B6

0,060 mg

- Acido folico (B9)

38 µg

Potassio

194 mg

Calcio

36 mg

Ferro

0,41 mg

Magnesio

13 mg

Fosforo

20 mg

 

5. Ricetta originale e sana con lattuga


"Involtini di Lattuga Ripieni"



Se state cercando un'alternativa creativa e sana per utilizzare la lattuga, allora la nostra ricetta degli involtini di lattuga ripieni è ciò che fa al caso vostro! Questo piatto originale unisce la freschezza della lattuga con un gustoso ripieno, rendendolo perfetto per un pasto leggero e nutriente. Preparare gli involtini di lattuga è facile e veloce, quindi lasciatevi ispirare e provateli oggi stesso!






Ingredienti


- Foglie grandi e croccanti di lattuga 
- Pollo cotto a dadini (o tofu per una versione vegetariana)
- Carote julienne fresche
- Peperoni colorati tagliati sottili
- Germogli di soia freschi
- Mandorle tostate e tritate
- Limone, basilico fresco ed olio evo
- Un pizzico di sale e pepe per condire



Istruzioni 


1. Lavate accuratamente le foglie di lattuga e asciugatele delicatamente con carta assorbente.
2. In una ciotola, mescolate il pollo (o il tofu) con le carote julienne, i peperoni tagliati, i germogli di soia.
3. Aggiungete le mandorle tritate per una piacevole croccantezza.
4. Condite il ripieno con salsa di succo di limone, basilico tagliato finemente ed olio evo. Mescolate delicatamente per amalgamare i sapori.
5. Adagiate una generosa quantità di ripieno al centro di ogni foglia di lattuga.
6. Arrotolate la lattuga intorno al ripieno, creando degli involtini compatti ma delicati.
7. Disponete gli involtini su un piatto da portata e spolverate con un pizzico di sale e pepe per un tocco di sapore aggiuntivo.
8. Servite gli involtini di lattuga ripieni come antipasto o piatto principale leggero. 


Gli involtini di lattuga ripieni sono un'idea originale e salutare per gustare questo versatile ortaggio in modo diverso e appetitoso. Perfetti per chi vuole mantenere uno stile di vita sano senza rinunciare al gusto! Provate questa ricetta subito e lasciatevi conquistare dalla freschezza e dalla bontà di questi deliziosi involtini di lattuga!