3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Diabete -

Cos'? quali sono i sintomi, le cause e i rimedi.

In questo articolo troverai….

 

  • Cos'è il diabete?

  • Quali sono i sintomi e i segni legati al diabete?

  • Quali sono le cause del diabete?

  • Come prevenire il diabete di Tipo 2?

  • Domande frequenti sul diabete

  • Leaderfarma consiglia




Cos’è il Diabete?



Uomo che soffre di Diabete che controlla il valore della glicemia



Il diabete è una malattia cronica che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Si tratta di una patologia molto grave, caratterizzata da elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia), che può portare a gravi complicanze se non viene curato adeguatamente.

Il diabete è una malattia cronica che si verifica quando il pancreas non è in grado di produrre insulina, o quando l'organismo non riesce a utilizzare correttamente l'insulina che viene prodotta.

L'insulina è un ormone importantissimo, necessario per il metabolismo dei carboidrati e per la regulazione dei livelli di glucosio nel sangue. Quando questo equilibrio viene alterato, i livelli di glucosio nel sangue possono aumentare e causare diversi problemi di salute.




Il Diabete si divide in due forme principali: il diabete di tipo 1 ed il diabete di tipo 2:


Diabete di Tipo 1 👈


Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca e distrugge le cellule beta del pancreas, responsabili della produzione di insulina. L'assenza di insulina porta a un aumento dei livelli di glucosio nel sangue, poiché il glucosio non può essere utilizzato efficacemente come fonte di energia. Questo tipo di diabete si manifesta solitamente in età giovanile ma può insorgere a qualsiasi età. I pazienti con diabete di tipo 1 necessitano di somministrazione quotidiana di insulina per controllare i livelli di glucosio nel sangue.




Diabete di Tipo 2 👈


Il diabete di tipo 2, più comune rispetto al tipo 1, si sviluppa quando il corpo diventa resistente all'insulina o quando il pancreas non è in grado di produrne abbastanza per mantenere normali i livelli di glucosio nel sangue. La resistenza all'insulina è spesso legata al sovrappeso, alla sedentarietà e a una dieta non equilibrata. A differenza del diabete di tipo 1, il diabete di tipo 2 si verifica più comunemente in adulti, sebbene stia aumentando l'incidenza anche tra i giovani a causa dell'aumento dei tassi di obesità. La gestione include cambiamenti nello stile di vita, come dieta e attività fisica, e può richiedere farmaci orali o insulina.




Differenze chiave tra Diabete di Tipo I e Diabete di Tipo II👈


  • Eziologia: Il diabete di tipo 1 è causato da un processo autoimmune, mentre il diabete di tipo 2 è principalmente il risultato della resistenza all'insulina e di fattori di stile di vita.
  • Gestione: Il diabete di tipo 1 richiede la somministrazione di insulina per sopravvivere. Il diabete di tipo 2 può spesso essere gestito inizialmente con modifiche dello stile di vita e farmaci orali, anche se alcuni pazienti possono eventualmente necessitare di insulina.
  • Età di insorgenza: Tradizionalmente, il diabete di tipo 1 si manifesta in età giovanile, mentre il tipo 2 si verifica in età adulta, anche se questa distinzione sta diventando meno netta.
  • Predisposizione genetica: Entrambi i tipi di diabete hanno una componente genetica, ma il pattern di ereditarietà e i geni coinvolti differiscono.



Quali sono i sintomi e i segni legati al Diabete?

 

I sintomi del diabete possono variare a seconda del tipo di diabete in questione.



Sintomi del Diabete di tipo 1


Per il diabete di tipo 1, i sintomi possono includere un bisogno frequente di urinare, sete intensa, dimagrimento inspiegabile, poliuria (aumento della quantità di urina), e polidipsia (aumento del senso di sete). Questi segnali clinici sono spesso accompagnati da iperglicemia, sia a digiuno che dopo i pasti, e glicosuria (glucosio nelle urine). La presenza di questi sintomi, in particolare in giovani, dovrebbe spingere a consultare immediatamente un medico​.




Sintomi del Diabete di tipo 2


Il diabete di tipo 2 può presentare sintomi simili al tipo 1, ma spesso si manifestano in modo più graduale, rendendoli meno percepibili. Tra questi, poliuria, polidipsia, stanchezza cronica, visione offuscata, cefalea, guarigione lenta delle ferite, prurito cutaneo, irritabilità e una predisposizione alle infezioni. Diversamente dal tipo 1, il diabete di tipo 2 si verifica frequentemente in adulti e può essere preceduto da una fase di prediabete, durante la quale i sintomi possono essere assenti o molto lievi​.




Sintomi del Diabete gestazionale


Il diabete gestazionale può provocare sintomi simili al diabete di tipo 1 e 2, come stanchezza, polidipsia e poliuria. Tuttavia, spesso è asintomatico e viene diagnosticato attraverso test di screening durante la gravidanza. È importante per le donne in gravidanza ad alto rischio sottoporsi a screening precoci e ripetuti, specialmente tra la 24ª e la 28ª settimana​.




Sintomi generali del Diabete


In generale, i sintomi del diabete possono includere stanchezza, aumento del volume urinario con sete conseguente, perdita di peso, dolori addominali, aumento dell'appetito, nausea e vomito, visione offuscata e alito con odore di frutta matura. L'iperglicemia a lungo termine può portare a complicanze serie come retinopatia, nefropatia, neuropatia e malattie cardiovascolari​.



È essenziale prestare attenzione ai segnali del proprio corpo e consultare un medico se si sospetta la presenza di diabete, poiché una diagnosi e un trattamento tempestivi possono prevenire o ritardare le complicanze associate alla malattia​.




Quali sono le cause del Diabete?



Le cause del diabete variano a seconda del tipo di diabete in questione:


Cause del Diabete di tipo 1


Questo tipo si verifica quando il sistema immunitario del corpo attacca e distrugge le cellule beta del pancreas che sono responsabili della produzione di insulina. Gli scienziati credono che sia causato da una combinazione di fattori genetici e ambientali, come i virus, che potrebbero scatenare la malattia.




Cause del Diabete di tipo 2


Il diabete di tipo 2 è la forma più comune e è influenzato da fattori legati allo stile di vita e alla genetica. Tra i principali fattori di rischio figurano l'obesità, la sedentarietà e la resistenza all'insulina. Quest'ultima condizione si verifica quando le cellule muscolari, del grasso e del fegato non utilizzano l'insulina in modo efficace. Anche la predisposizione genetica e la storia familiare di diabete sono fattori significativi.




Cause del Diabete gestazionale


Si manifesta durante la gravidanza a causa dei cambiamenti ormonali che inducono una resistenza all'insulina. Nonostante la maggior parte delle donne riesca a produrre abbastanza insulina per superare questa resistenza, alcune non ci riescono, portando così allo sviluppo del diabete gestazionale.




Altre cause che possono causare il Diabete


Includono danni fisici al pancreas, mutazioni genetiche che conducono a forme monogeniche di diabete come il diabete MODY (Maturity Onset Diabetes of the Young) e il diabete neonatale. L'uso a lungo termine di alcuni farmaci può influenzare la produzione o l'efficacia dell'insulina e rappresentare un ulteriore fattore di rischio.



Il diabete è una condizione complessa con molteplici cause e fattori di rischio. La gestione efficace richiede un approccio olistico che comprende modifiche dello stile di vita, monitoraggio medico e, se necessario, l'uso di farmaci per mantenere i livelli di glucosio nel sangue entro limiti sani.




Come prevenire il Diabete di Tipo 2?



Prevenire il diabete di tipo 2 implica adottare uno stile di vita sano che può significativamente ridurre il rischio di sviluppare la malattia. Ecco alcune strategie efficaci basate su recenti ricerche e raccomandazioni di esperti:


  1. Bere Acqua al Posto di Bevande Zuccherate: Sostituire le bevande zuccherate con acqua può aiutare a gestire meglio i livelli di zucchero e insulina nel sangue, riducendo così il rischio di diabete.

  2. Perdere Peso in Eccesso: Anche una modesta perdita di peso, come il 5-7% del peso corporeo, può ridurre significativamente il rischio di diabete, specialmente se si ha eccesso di peso o obesità.

  3. Smettere di Fumare: Il fumo è collegato all'aumento del rischio di diabete. Smettere di fumare può ridurre questo rischio nel tempo.

  4. Mangiare Porzioni Adeguare: Evitare le porzioni eccessive può aiutare a ridurre i livelli di insulina e zucchero nel sangue, promuovendo la perdita di peso e diminuendo il rischio di diabete.

  5. Ridurre i Comportamenti Sedentari: Limitare il tempo trascorso seduti e aumentare l'attività fisica quotidiana può ridurre il rischio di diabete.

  6. Seguire una Dieta Ricca di Fibre: Consumare una dieta ricca di fibre può aiutare a prevenire il diabete migliorando la salute dell'intestino e la gestione del peso.

  7. Muoversi Regolarmente: È consigliabile includere attività fisica quotidiana, come camminare, fare esercizi aerobici, o praticare sport che aumentano la frequenza cardiaca e migliorano la resistenza muscolare.

  8. Monitorare l'Assunzione di Caffè: Sebbene il caffè possa avere benefici per la salute, è importante consumarlo con moderazione, specialmente se si soffre di ipertensione.

  9. Includere nella Dieta Alimenti Benefici: Alimenti come origano, rosmarino, cannella, pistacchi, e cibi ricchi di omega 3, curcuma, verdure a foglia verde, e alimenti ricchi di antiossidanti possono avere effetti positivi nella prevenzione del diabete.


    Verdure consigliate per prevenire il diabete di Tipo 2


  10. Attenzione alle Bevande Alcoliche: Consumare alcol con moderazione, dato che un eccessivo consumo può influenzare negativamente i livelli di zucchero nel sangue.



Implementare questi cambiamenti può richiedere sforzo e dedizione, ma i benefici a lungo termine per la salute sono significativi. Ricorda che consultare un medico o un dietologo può fornire ulteriori consigli personalizzati per prevenire efficacemente il diabete di tipo 2.




Domande frequenti sul Diabete



Cos'è il diabete? 👈


Il diabete è una malattia cronica che si verifica quando il pancreas non produce abbastanza insulina o quando il corpo non può utilizzare efficacemente l'insulina che produce. L'insulina è un ormone che regola il livello di zucchero (glucosio) nel sangue. Un elevato livello di glucosio nel sangue può danneggiare il sistema nervoso, i reni, gli occhi e altri organi.




Quali sono i sintomi del diabete? 👈


I sintomi più comuni del diabete includono frequente bisogno di urinare, sensazione di fame e sete costante, stanchezza estrema, difficoltà di guarigione da ferite cutanee, vista offuscata, nausea, perdita improvvisa di peso, cambiamenti nello stato d'animo, sensazione di malessere allo stomaco, infezioni frequenti, formicolio alle articolazioni e problemi ai denti. Altri segnali possono includere aumento della sete, edema, senso di spossatezza, perdita di peso, disturbi della vista, crampi al polpaccio, prurito, pelle secca, infiammazione della pelle, ferite scarsamente cicatrizzanti, infezioni degli organi riproduttivi e delle vie urinarie.




Quali sono le cause del diabete? 👈


Le cause del diabete variano a seconda del tipo. Il diabete di tipo 1 è generalmente causato da una risposta autoimmune in cui il sistema immunitario attacca per errore le cellule del pancreas che producono insulina. Il diabete di tipo 2, che è più comune, è spesso legato a fattori come sovrappeso, inattività fisica e genetica. Anche il diabete gestazionale si verifica durante la gravidanza e può dipendere da cambiamenti ormonali, fattori genetici e stile di vita.




Come si diagnostica il diabete? 👈


La diagnosi del diabete avviene attraverso esami del sangue che misurano il livello di glucosio nel sangue, come il test della glicemia a digiuno e il test orale di tolleranza al glucosio. Valori superiori ai limiti normali possono indicare la presenza del diabete.




Quali sono le possibili complicanze del diabete? 👈


Le complicanze del diabete possono essere gravi e includono neuropatia, nefropatia, retinopatia, oltre a rischi aumentati di infarto miocardico, ictus cerebrale, piede diabetico, problemi renali che possono portare alla dialisi, e danni ai vasi sanguigni che possono causare cecità.




Qual è il trattamento per il diabete? 👈


Il trattamento varia a seconda del tipo di diabete. Il diabete di tipo 1 richiede iniezioni quotidiane di insulina, mentre per il diabete di tipo 2 possono essere sufficienti modifiche dello stile di vita, come una dieta sana e attività fisica, insieme a farmaci orali che regolano il livello di glucosio nel sangue. È importante seguire le indicazioni del proprio medico e sottoporsi a controlli regolari.




Come si può prevenire il diabete di tipo 2? 👈


La prevenzione del diabete di tipo 2 è possibile attraverso uno stile di vita sano che include una dieta equilibrata, attività fisica regolare, mantenimento di un peso corporeo sano e evitare il fumo. Anche il controllo della pressione sanguigna e dei livelli di colesterolo contribuisce a ridurre il rischio.



Cosa non si deve mangiare quando si ha il Diabete? 👈


Quando si ha il diabete, è fondamentale seguire una dieta equilibrata per mantenere i livelli di zucchero nel sangue sotto controllo. Alcuni alimenti dovrebbero essere limitati o evitati per prevenire picchi di glicemia.



Alimenti da Evitare


  1. Cibi Fritti: Alti in grassi saturi, sodio e calorie, come le patatine fritte.
  2. Dolci Confezionati: Ricchi di grassi saturi, zuccheri e calorie, inclusi biscotti con ripieni di crema al cioccolato.
  3. Bevande Zuccherate: Contengono elevate quantità di zuccheri, che possono causare rapidi incrementi dei livelli di glucosio nel sangue.
  4. Carni Lavorate: Ricche di sodio e grassi saturi, inclusi salumi come prosciutto cotto, prosciutto crudo, salame e mortadella.
  5. Alimenti ad Alto Indice Glicemico: Come riso bianco e pane bianco, che possono aumentare rapidamente la glicemia.




Alimenti da Preferire


Per mantenere i livelli di glucosio stabili, è consigliato preferire alimenti a basso indice glicemico e ricchi in fibre, come:

  • Verdure e Frutta: Selezionare frutta a basso contenuto di zuccheri e abbondante verdura.
  • Cereali Integrali: Optare per pane, pasta e riso integrali che hanno un minor impatto sulla glicemia.
  • Legumi: Fonti eccellenti di proteine e fibre, aiutano a mantenere stabile il livello di zucchero nel sangue.
  • Cibi Ricchi in Omega-3: Come il pesce, che contribuisce a una dieta equilibrata e salutare.


È anche suggerito l'uso di spezie come la cannella, la curcuma e la salvia che, secondo studi, possono avere effetti positivi sulla gestione del diabete.


Ricordati che la gestione del diabete attraverso la dieta non si limita solo a evitare determinati cibi, ma implica anche l'adozione di un approccio equilibrato che includa esercizio fisico regolare e, se necessario, la terapia farmacologica. È sempre consigliabile consultare un professionista sanitario o un dietista per ricevere consigli personalizzati sulla dieta più adatta alla tua condizione di salute.



Come capire se si è in pre Diabete? 👈


Infermiera che esegue test per diagnosticare il diabete


Capire se si è in una condizione di prediabete è fondamentale per prevenire l'insorgenza del diabete di tipo 2. Il prediabete è una fase in cui i livelli di glucosio nel sangue sono più alti del normale ma non abbastanza elevati da essere classificati come diabete. Alcuni importanti test per riconoscere il prediabete includono:


  • Test della glicemia a digiuno: Valori compresi tra 100 e 125 mg/dl indicano prediabete.
  • Test dell'HbA1c (emoglobina glicata): Un livello compreso tra 5,7% e 6,4% suggerisce prediabete. Questo test fornisce una stima del livello medio di glucosio nel sangue negli ultimi 2-3 mesi.
  • Test di tolleranza orale al glucosio: Dopo aver bevuto una soluzione zuccherata, se i livelli di glucosio nel sangue dopo due ore sono compresi tra 140 e 199 mg/dl, si può parlare di prediabete.


Se i risultati dei test indicano una condizione di prediabete, è importante adottare modifiche nello stile di vita, come migliorare l'alimentazione e aumentare l'attività fisica, per ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. La diagnosi precoce e la gestione del prediabete possono effettivamente rallentare o prevenire la progressione al diabete di tipo 2.


Fattori come una dieta non sana, sovrappeso, vita sedentaria, avere un familiare con diabete di tipo 2, aver avuto il diabete gestazionale, fumare e avere un'età avanzata possono aumentare il rischio di sviluppare prediabete. È quindi importante effettuare controlli regolari, specialmente se si rientra in una o più di queste categorie di rischio.


Per un approccio efficace e per gestire il prediabete, è consigliato consultare un medico che può fornire consigli personalizzati basati sulle specifiche esigenze di salute e stile di vita di ciascuno.



Quali sono i cibi che abbassano la glicemia? 👈


Per abbassare la glicemia e mantenere un buon controllo del diabete o del prediabete, includere nella dieta alcuni cibi specifici può essere molto utile. Ecco una selezione di alimenti che possono aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue:


  • Mirtilli: Noti per stimolare la produzione di insulina e aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue grazie alla loro ricchezza di vitamine e antiossidanti.
  • Mele: Ricche di pectina, una fibra che favorisce un lento e continuo assorbimento dello zucchero.
  • Cannella: Ha un ruolo chiave sull'insulina facilitando l'assorbimento di glucosio nel sangue.
  • Olio extravergine d'oliva: Contiene componenti in grado di ridurre i livelli di glucosio nel sangue dopo i pasti.
  • Verdure a foglia verde: Come spinaci, cavolo, bietole, che sono ricche di fibre, magnesio e vitamina A, utili per ridurre la glicemia.
  • Alimenti ricchi di omega 3: Come il salmone e le sardine, che aiutano a regolare i livelli di colesterolo e combattere le infiammazioni, beneficiando anche i livelli di zucchero nel sangue.
  • Legumi: Ceci, lenticchie, fagioli sono ricchi di proteine vegetali e fibre, che rallentano l'assorbimento dei carboidrati e mantengono stabili i livelli di glicemia.
  • Semi: Come i semi di lino, zucca, girasole, chia, sesamo e canapa, ricchi di fibre solubili e acidi grassi omega-3, contribuiscono a regolare l'assorbimento degli zuccheri e a mantenere stabile la glicemia.
  • Cacao amaro: Ricco di flavonoidi, può favorire la salute cardiovascolare e aiutare a controllare la glicemia.



Incorporare questi alimenti nella tua dieta può contribuire a una migliore gestione della glicemia. Tuttavia, ricorda che un approccio equilibrato che include una dieta varia e un'attività fisica regolare è fondamentale per il controllo del diabete e del prediabete. Per consigli personalizzati e adeguati alla tua situazione specifica, è sempre meglio consultare un medico o un dietista nutrizionista.



Fonti dell'articolo:


Ministero della Salute.

NHS.


 


Leaderfarma consiglia



Per aiutarti a contrastare più efficacemente questa fastidiosa patologia i farmacisti di Leaderfarma.it consigliano alcuni prodotti molto utili che potrai trovare in fondo all’articolo.

Cliccando sui prodotti che più vi interessano potrete visualizzare le relative schede-prodotto dettagliate, in modo da capire quale possa fare al caso vostro.
Inoltre è attiva la sezione " hai domande? " (sempre all'interno delle singole schede prodotto), attraverso la quale potrete chiederci qualsiasi cosa sul prodotto e/o disturbo sul quale avete delle curiosità.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo blog: Glicemia: i migliori prodotti per rilevarla e controllarla.



Speriamo che queste informazioni ti siano state di aiuto continua a seguire il nostro blog e rimani aggiornato su tutte le nostre offerte.

 


Tutte le informazioni contenute in questo articolo sono fornite a solo scopo informativo, in nessun caso costituiscono la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Come specificato in ogni articolo se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...