3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Cipolla -

CIPOLLA

 

 

1. Descrizione e origini della Cipolla
2. Varietà di Cipolla
3. Benefici e controindicazioni della Cipolla
4. Composizione chimica e valore energetico della Cipolla
5. Ricetta Facile per un Condimento Unico: "Confettura di Cipolle Rosse"

 

 

1. Descrizione e origini della Cipolla



Che cos'è la cipolla? Quali sono le origini della cipolla? Come è meglio mangaire la cipolla?


La cipolla (Allium cepa) è il bulbo di una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Lliaceae.
Ha forma generalmente sferica, il bulbo è commestibile e formato da strati carnosi sovrapposti ricoperti da tuniche sottili che seccano dal colore bianco argenteo, giallastro, ramato o violaceo.
La cipolla è originaria dell'Asia centrale e occidentale, ed è stata coltivata per migliaia di anni in varie parti del mondo. Le sue origini esatte non sono completamente note, ma si ritiene che la cipolla sia stata coltivata per la prima volta in Mesopotamia, nell'attuale Iraq, oltre 5.000 anni fa.
Dalla Mesopotamia, la coltivazione della cipolla si diffuse rapidamente in Egitto e in altre parti del Medio Oriente.
Gli antichi egizi consideravano la cipolla un simbolo di vita eterna e ne facevano un uso ampio sia come cibo che come offerta per gli dei. Le cipolle erano anche usate come pagamento per i lavoratori che costruivano le piramidi.
La sua coltivazione si diffuse poi in Grecia e in seguito nell'Impero Romano, dove era molto apprezzata sia come alimento che per le sue proprietà medicinali. I Romani portarono la cipolla in molte parti dell'Europa durante le loro conquiste e il suo uso si diffuse ulteriormente.
Durante il Medioevo, la coltivazione della cipolla si diffuse in molte regioni dell'Europa, compresi i Paesi Bassi, la Francia e l'Inghilterra. In particolare, i Paesi Bassi divennero noti per la loro produzione di cipolle di alta qualità e introdussero varietà di cipolle dalle caratteristiche particolari, come la cipolla dolce.
Nel corso dei secoli, la cipolla si diffuse anche nelle Americhe attraverso gli scambi commerciali e le esplorazioni. I coloni europei portarono con sé semi di cipolla e iniziarono a coltivarli nelle colonie. La cipolla divenne una pianta importante per la sopravvivenza e l'alimentazione delle comunità coloniali.
Oggi è una delle verdure più diffuse e coltivate al mondo. È coltivata in molti Paesi, compresi Stati Uniti, Cina, India, Russia, Brasile e molti Paesi europei. Le varietà di cipolla sono numerose e includono cipolle bianche, gialle, rosse e dolci, ognuna con caratteristiche di gusto e utilizzo specifiche.
La cipolla è ampiamente utilizzata in cucina in tutto il mondo per insaporire molti piatti. Può essere consumata cruda, cotta o essiccata e viene utilizzata in salse, zuppe, stufati, condimenti e molti altri piatti. Oltre al suo ruolo nella cucina, la cipolla ha anche proprietà medicinali ed è stata utilizzata tradizionalmente per trattare una serie di disturbi e condizioni di salute.

 

 

2. Varietà di Cipolla



Quali sono le principali varietà di cipolla?


La classificazione delle cipolle avviene principalmente sulla base della colorazione esterna del bulbo. Questa suddivisione fa sì che le cipolle vengano classificate grossolanamente in: cipolle bianche, cipolle ramate o dorate, cipolle rosse.
Oltre che per il colore del bulbo, le cipolle vengono suddivise anche in relazione al loro periodo di raccolta: alcune varietà si raccolgono durante la primavera estate e si consumano fresche, mentre per altre la raccolta avviene al termine dell’estate e sono destinate alla conservazione.

Le varietà principali di cipolla sono:
1. Cipolla Bianca: è la varietà di cipolla caratterizzata dalla sua buccia bianca e dalla polpa interna di colore bianco o bianco traslucido. È una delle più comuni e ampiamente utilizzate in cucina. Ha un sapore delicato e meno pungente rispetto ad altre varietà di cipolla, come la cipolla gialla o la cipolla rossa. È apprezzata per il suo gusto più dolce e leggero, che si sposa bene con una vasta gamma di piatti. La buccia esterna della cipolla bianca può variare leggermente in tonalità, da bianco opaco a bianco dorato. La sua forma può essere tondeggiante o leggermente allungata, a seconda della varietà specifica. La polpa interna della cipolla bianca è tenera e croccante. Quando tagliata, rivela strati concentrici che si separano facilmente. La polpa può variare in consistenza da succosa a più fibrosa, ma rimane comunque piuttosto croccante rispetto ad altre varietà. È molto versatile in cucina ed è utilizzata in molte preparazioni culinarie. Può essere consumata cruda nelle insalate per aggiungere un tocco di sapore e croccantezza, oppure cotta in una varietà di piatti come zuppe, stufati, salse, soffritti e molto altro ancora.

In Italia, ci sono diverse varietà di cipolla bianca che vengono coltivate e apprezzate in diverse regioni del paese.
Ecco alcune delle più comuni:
- Cipolla Bianca di Margherita: originaria della Puglia, questa varietà produce cipolle bianche di medie dimensioni con un sapore delicato e una polpa croccante. È molto apprezzata per l'uso crudo nelle insalate.
- Cipolla Bianca di Cannara: questa varietà proviene dalla città di Cannara in Umbria ed è una delle più famose in Italia. Ha una buccia bianca e una polpa tenera e dolce. È spesso utilizzata nelle cucine tradizionali umbre e viene celebrata durante la Festa della Cipolla di Cannara.
- Cipolla Bianca di Certaldo: originaria della Toscana, questa varietà produce cipolle bianche di medie dimensioni con un sapore dolce e delicato. È utilizzata in molte preparazioni toscane, come zuppe, frittate e salse.
- Cipolla Bianca di Medicina: questa varietà proviene dalla città di Medicina, nella regione dell'Emilia-Romagna. Ha una buccia bianca e una polpa croccante e dolce. È molto apprezzata per l'uso crudo nelle insalate o cotta in piatti tradizionali emiliano-romagnoli.
- Cipolla Bianca di Giarratana: originaria della Sicilia, questa varietà produce cipolle bianche di grandi dimensioni, spesso chiamate "cipolle giganti di Giarratana". Hanno una buccia bianca e una polpa dolce e tenera. Sono utilizzate in molti piatti siciliani, come la caponata.

2. Cipolla Rossa: è una varietà di cipolla caratterizzata dalla sua buccia esterna di colore viola o rosso scuro e dalla polpa interna che può variare dal rosso al rosa. È una delle varietà più distintive e colorate di cipolla.
Ha un sapore dolce e delicato rispetto ad altre varietà di cipolla. Sebbene mantenga una certa piccantezza, questa è generalmente meno intensa rispetto alla cipolla gialla. Il suo gusto dolce e leggermente pungente la rende ideale per essere consumata cruda.
La buccia esterna può variare nella tonalità del viola, dal viola intenso al rosso scuro. La sua forma può essere tondeggiante o leggermente allungata, simile ad altre varietà di cipolla.
La polpa interna della cipolla rossa è croccante e succosa. Quando tagliata, rivela strati concentrici di colore rosso o rosa intenso. La polpa può variare in consistenza da tenera a un po' più fibrosa.
La cipolla rossa è molto popolare per l'uso crudo nelle insalate, nelle salse e come condimento per sandwich e hamburger. Il suo colore vivace dona un tocco visivamente accattivante ai piatti. Può anche essere cotta, sebbene la cottura tenda a sbiadire il suo colore vibrante.
In Italia, ci sono diverse varietà di cipolle rosse coltivate e apprezzate in diverse regioni del paese. Ecco alcune delle più comuni:
- Cipolla Rossa di Tropea: una delle varietà di cipolla rossa più famose in Italia, la Cipolla Rossa di Tropea, proviene dalla città di Tropea, in Calabria. Ha una buccia esterna di colore viola intenso e una polpa di colore rosa chiaro. È apprezzata per il suo sapore dolce e delicato e viene spesso consumata cruda nelle insalate o cotta in piatti regionali calabresi.
- Cipolla Rossa di Acquaviva delle Fonti: originaria di Acquaviva delle Fonti, in Puglia, questa varietà di cipolla rossa ha una buccia esterna di colore viola scuro e una polpa di colore rosso intenso. Ha un sapore dolce e leggermente piccante e viene spesso utilizzata in insalate, salse e piatti tradizionali pugliesi.
- Cipolla Rossa di Cavasso Nuovo: questa varietà proviene dalla località di Cavasso Nuovo, nel Friuli Venezia Giulia. Ha una buccia esterna di colore viola e una polpa di colore rosa. È nota per il suo sapore dolce e viene spesso utilizzata in cucina per insaporire piatti a base di carne e verdure.
- Cipolla Rossa di Certaldo: originaria della Toscana, la Cipolla Rossa di Certaldo ha una buccia esterna di colore viola scuro e una polpa di colore rosso intenso. Ha un sapore dolce e viene spesso consumata cruda nelle insalate o utilizzata in piatti tradizionali toscani come la ribollita e la panzanella.

3. Cipolla Ramata o Dorata: conosciuta anche come cipolla gialla, è una delle varietà più diffuse e utilizzate in cucina. Questa cipolla è caratterizzata da una buccia esterna di colore dorato o giallo pallido e una polpa interna che può variare dal bianco al giallo.
Ha un sapore pungente e aromatico, più intenso rispetto alla cipolla bianca. La sua piccantezza può variare leggermente a seconda della varietà specifica e del grado di maturazione. È apprezzata per il suo gusto distintivo e la sua versatilità in cucina.
La buccia esterna della cipolla dorata può variare dal giallo pallido al dorato intenso, a seconda della varietà e delle condizioni di crescita. La forma della cipolla dorata può essere tondeggiante o leggermente allungata, a seconda della varietà specifica.
La polpa interna è succosa e tenera. Quando tagliata, rivela strati concentrici di colore bianco o giallo, a seconda della varietà. La polpa può essere croccante o tenera, a seconda del grado di maturazione.
La cipolla dorata è estremamente versatile in cucina ed è utilizzata in molte preparazioni culinarie. Può essere consumata cruda nelle insalate, nelle salse o nelle sottaceti per aggiungere sapore e croccantezza. Inoltre, è molto apprezzata in piatti cotti come zuppe, salse, soffritti, arrosti e molto altro ancora.
In Italia, ci sono diverse varietà di cipolle dorate coltivate e apprezzate in diverse regioni del paese. Eccone alcune delle principali:

- Cipolla Dorata di Parma: originaria della provincia di Parma, in Emilia-Romagna, questa varietà di cipolla dorata ha una buccia esterna di colore dorato intenso e una polpa di colore giallo. Ha un sapore dolce e aromatico e viene spesso utilizzata in molte ricette tradizionali dell'Emilia-Romagna.
- Cipolla Dorata di Treschietto: questa varietà proviene dalla località di Treschietto, in Toscana. Ha una buccia esterna di colore dorato brillante e una polpa di colore giallo. È conosciuta per il suo sapore dolce e viene spesso utilizzata in cucina toscana, specialmente nelle zuppe e nelle preparazioni a base di carne.
- Cipolla Dorata di Montoro: originaria della città di Montoro, in Campania, questa varietà di cipolla dorata ha una buccia esterna di colore dorato e una polpa di colore giallo intenso. Ha un sapore dolce e aromatico e viene spesso utilizzata in molte ricette regionali, come contorni e piatti a base di carne.
- Cipolla Dorata di Margherita: questa varietà proviene dalla provincia di Foggia, in Puglia. Ha una buccia esterna di colore dorato pallido e una polpa di colore giallo. Ha un sapore dolce e leggermente piccante. Viene spesso utilizzata nella cucina pugliese per preparazioni come sughi, stufati e insalate.
Una menzione a parte meritano i cipollotti, bulbi di cipolla non ancora sviluppati, per questo più teneri e gentili al gusto e sempre adatti anche al consumo crudo in insalata. A differenza delle cipolle mature non si conservano a lungo, ma vanno consumati freschi entro pochi giorni dall’acquisto. I cipollotti esistono in due varianti: bianchi, dal gusto leggermente più acre, e rossi, più dolci;ma anche lo scalogno dal sapore delicato, lo scalogno è adatto alla preparazione di zuppe o, in alternativa, rappresenta un’ottima base per il soffritto, presenta il vantaggio di essere più digeribile e meno persistente al gusto. Inoltre le sue dimensioni, più piccole rispetto a una cipolla, riducono scarti e sprechi.

 

 

3. Benefici e controindicazioni della Cipolla




Quali sono i benefici della cipolla? Quanta cipolla si può mangiare in un giorno? Perché la cipolla fa bene al cuore? Quando non mangiare la cipolla?


La cipolla è composta da una varietà di nutrienti e composti bioattivi, quali:
1. Carboidrati: la cipolla contiene una buona quantità di carboidrati complessi, che forniscono energia al corpo. Questi includono amido, fibre alimentari e zuccheri naturali come fruttosio e glucosio.
2. Fibre alimentari: la cipolla è ricca di fibre alimentari, che sono importanti per la salute digestiva. Le fibre aiutano a regolare il transito intestinale, favoriscono la sensazione di sazietà e possono contribuire a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue. La fibra presente nella cipolla è principalmente costituita da cellulosa, emicellulosa e pectine.
3. Acqua: la cipolla ha un alto contenuto di acqua, che rappresenta la maggior parte del suo peso totale. L'alto contenuto di acqua contribuisce all'idratazione e alla consistenza succosa della cipolla.
4. Vitamine: sono contenute diverse vitamine, tra cui vitamina C, vitamina B6, tiamina (vitamina B1) e folati. La vitamina C è un potente antiossidante che sostiene il sistema immunitario e favorisce la salute della pelle. Le vitamine del gruppo B sono importanti per il metabolismo energetico e il corretto funzionamento del sistema nervoso.
5. Minerali: la cipolla contiene diversi minerali essenziali, tra cui potassio, calcio, magnesio e fosforo. Il potassio è importante per la funzione cardiaca e il bilancio idrico del corpo. Gli altri minerali sono coinvolti nella salute delle ossa, della contrazione muscolare e nella regolazione dei processi cellulari.
6. Composti solforati: le cipolle contengono composti solforati che conferiscono loro il loro caratteristico odore e sapore. Questi composti solforati, come la sulfina e l'alicina, sono noti per i loro effetti antiossidanti, antinfiammatori e potenziali benefici per la salute cardiovascolare.
7. Flavonoidi: la cipolla è una fonte di flavonoidi, come la quercetina. I flavonoidi sono antiossidanti potenti che aiutano a combattere lo stress ossidativo e ridurre l'infiammazione nel corpo.
Il consumo di una una cipolla rossa cruda al giorno è in grado di contrastare la pressione alta ed abbassare il livello di colesterolo cattivo, migliorando al contrario i livelli di colesterolo buono.

La cipolla offre i seguenti benefici per la salute grazie alla sua composizione nutrizionale e ai suoi composti bioattivi:

- Contenuto di antiossidanti: le cipolle sono ricche di antiossidanti, come i flavonoidi e i composti dello zolfo, che aiutano a combattere lo stress ossidativo e ridurre l'infiammazione nel corpo. Gli antiossidanti proteggono le cellule dai danni causati dai radicali liberi, contribuendo a ridurre il rischio di malattie croniche.
- Potenziale effetto antinfiammatorio: alcuni composti presenti nelle cipolle, come la quercetina, hanno dimostrato di avere proprietà antinfiammatorie. Questo può essere utile nel ridurre l'infiammazione cronica nel corpo, che è associata a diverse malattie, tra cui malattie cardiache, diabete e alcune forme di cancro.
- Benefici per la salute cardiaca: le cipolle possono contribuire a migliorare la salute cardiaca. I loro antiossidanti possono aiutare a ridurre l'ossidazione del colesterolo cattivo (LDL) e migliorare il profilo lipidico. Inoltre, alcuni composti presenti nelle cipolle possono contribuire a ridurre la pressione sanguigna e migliorare la funzione vascolare.
- Effetto antibatterico: la cipolla è stata utilizzata tradizionalmente per le sue proprietà antibatteriche. Alcuni composti presenti nelle cipolle possono aiutare a combattere diversi ceppi di batteri, inclusi quelli associati a infezioni del tratto respiratorio e dell'apparato digerente.
- Benefici per il sistema immunitario: le cipolle sono una buona fonte di vitamina C, che è essenziale per il corretto funzionamento del sistema immunitario. La vitamina C può aiutare a rafforzare le difese del corpo e promuovere una risposta immunitaria sana.
- Effetto protettivo contro alcuni tipi di cancro: alcuni studi suggeriscono che il consumo regolare di cipolle potrebbe essere associato a un ridotto rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, come il cancro del tratto digestivo, il cancro del polmone e il cancro al seno. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio questi effetti.

Nonostante i numerosi benefici per la salute, ci sono alcune controindicazioni associate al consumo di cipolla che è importante tenere in considerazione:
- Problemi gastrointestinali: le cipolle possono essere difficili da digerire per alcune persone, specialmente se consumate crude o in grandi quantità. Possono causare bruciore di stomaco, gonfiore, flatulenza e disturbi intestinali. Individui con disturbi gastrointestinali come la sindrome dell'intestino irritabile o la malattia infiammatoria intestinale potrebbero trovare che il consumo di cipolla aggravi i loro sintomi.
- Allergia o sensibilità: alcune persone possono essere allergiche o sensibili alla cipolla. L'allergia alla cipolla è relativamente rara, ma può causare sintomi come prurito, eruzioni cutanee, gonfiore delle labbra e difficoltà respiratorie. Se si sospetta un'allergia o una sensibilità alla cipolla, è consigliabile consultare un allergologo per una valutazione adeguata.
- Interazione farmacologica: la cipolla può interagire con alcuni farmaci, in particolare con quelli che sono metabolizzati dal fegato. Alcuni composti presenti nella cipolla possono influenzare gli enzimi coinvolti nel metabolismo dei farmaci, alterando i loro livelli nel corpo. Se si sta assumendo farmaci specifici, è importante consultare il proprio medico o farmacista per verificare eventuali interazioni con la cipolla.
- Effetto sul sangue: alcuni studi suggeriscono che i composti presenti nella cipolla possono avere un effetto anticoagulante o antiaggregante sul sangue, rendendolo meno propenso a coagulare. Ciò può essere benefico per alcune persone con problemi di coagulazione, ma può rappresentare un rischio per chi assume già farmaci anticoagulanti. È importante discutere con il proprio medico se si sta assumendo farmaci anticoagulanti e si ha intenzione di aumentare significativamente il consumo di cipolla.
- Odore corporeo: la cipolla può influenzare l'odore del respiro e del sudore delle persone che la consumano in grandi quantità. Questo può essere sgradevole per alcuni individui e può causare disagio sociale.
Come sempre, è consigliabile consultare il proprio medico o un professionista sanitario qualificato prima di apportare modifiche significative alla propria dieta, soprattutto se si hanno particolari condizioni di salute o si sta assumendo farmaci.





 

4. Composizione chimica e valore energetico della Cipolla



Quante calorie contiene la cipolla? Quali vitamine sono contenute nella cipolla? Quali minerali sono contenuti nella cipolla?


Nella tabella sottostante sono presenti la composizione chimica e il valore energetico per 100g di cipolla.



Nutriente

Quantità per 100g

Calorie

40 kcal

Acqua

89,11g

Carboidrati

9,34g

- Zuccheri

4,24g

Fibre alimentari

1,7g

Proteine

1,1g

Grassi

0,1g

Sodio

4mg

Potassio

146mg

Calcio

23mg

Ferro

0,21mg

Magnesio

10mg

Vitamina C

7,4mg

Vitamina B6

0,12mg

Folato

19μg




5. Ricetta Facile per un Condimento Unico



"Confettura di Cipolle Rosse"



La confettura di cipolle rosse è un condimento versatile che può trasformare i tuoi piatti in vere delizie gourmet. Con la giusta combinazione di dolcezza e acidità, questa confettura è perfetta da abbinare a formaggi, carni e molto altro. Segui la nostra ricetta facile per creare una confettura irresistibile.







Ingredienti

- 4 cipolle rosse medie, affettate sottilmente
- 1 tazza di zucchero
- 1/2 tazza di aceto di vino rosso
- 1/2 tazza di acqua
- 1/2 cucchiaino di sale
- 1/4 cucchiaino di pepe nero
- 1/4 cucchiaino di cannella (opzionale)



Istruzioni


1. Preparazione delle cipolle:
affetta sottilmente le cipolle rosse in modo uniforme. Puoi farlo a mano o utilizzare un robot da cucina per velocizzare il processo.
2. Caramellizzazione delle cipolle: in una grande padella antiaderente, aggiungi le cipolle affettate e cuocile a fuoco medio-basso fino a quando diventano morbide e iniziano a caramellarsi. Questo processo richiederà circa 20-25 minuti.
3. Aggiunta degli ingredienti liquidi: aggiungi lo zucchero, l'aceto di vino rosso e l'acqua alle cipolle caramellate. Mescola bene per combinare gli ingredienti.
4. Cottura della confettura: continua a cuocere a fuoco medio-basso, mescolando occasionalmente, finché la miscela non si addensa e assume una consistenza simile a quella della confettura. Ciò richiederà circa 30-40 minuti.
5. Aggiunta di spezie (opzionale): aggiungi il sale, il pepe nero e la cannella alla confettura. Mescola bene per distribuire uniformemente le spezie.
5. Prova e regolazione del sapore: assaggia la confettura e regola il sapore secondo le tue preferenze. Se desideri una maggiore dolcezza, puoi aggiungere un po' più di zucchero.
6. Raffreddamento e conservazione: una volta raggiunta la consistenza desiderata, spegni il fuoco e lascia raffreddare leggermente la confettura. Trasferisci la confettura di cipolle rosse in barattoli puliti e sigillati ermeticamente. Conserva in frigorifero per un massimo di 2-3 settimane.


La confettura di cipolle rosse è una deliziosa aggiunta a tavola. Sia che la spalmi su crostini con formaggi pregiati o la utilizzi come condimento per carni arrostite, questa confettura darà un tocco unico e sofisticato ai tuoi piatti. Preparala in anticipo e stupisci i tuoi ospiti con questa gustosa creazione fatta in casa.