3478407520 - dal Lunedì al Venerdì: 10:00 - 13:00 / 17:00 - 19:30

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Registrati sul nostro sito ed iscriviti alla newsletter, riceverai subito uno sconto extra del 3%!!

Spedizioni gratuite oltre i 80,01 €

Anoressia

Cos'Ŕ? quali sono i sintomi, le cause e i rimedi.

In questo articolo troverai….

 

  • Cos'è l'anoressia?
  • Quali sono i sintomi dell'anoressia?
  • Quali sono le cause dell'anoressia?
  • Riedi per contrastare l'anoressia
  • Si può guarire dall'anoressia?
  • Quando rivolgersi al medico
  • Leaderfarma consiglia



Cos’è l’anoressia?

L'anoressia è un disturbo dell’alimentazione. Il termine anoressia che significa letteralmente “perdita dell’appetito”, spesso risulta fuorviante, poiché in questo disturbo i soggetti che ne soffrono vorrebbero mangiare, il problema risiede nel terrore di ingrassare e questo li porta a rifiutare il cibo.

Questa paura deriva da una distorsione dell’immagine del proprio corpo, che viene visto sempre troppo grasso (anche se ampiamente sotto il peso ideale), provocando una condizione patologica che diventa il punto centrale della vita delle persone che ne sono affette.

L’anoressia viene classificata in due forme:

  • Restrittiva: caratterizzata da una dieta rigidissima e costante e da un esercizio fisico a tratti compulsivo;
  • Anoressia con bulimia: caratterizzata da periodi di abbuffate compulsive di cibo, intervallate da periodi in cui si cercano di eliminare le calorie ingerite (con vomito autoindotto, utilizzo di lassativi e diete rigidissime, caratterizzate anche da periodi di digiuno).

L’incidenza di questa malattia è progressivamente aumentata nei paesi occidentali. Le motivazioni sono da ricercarsi sicuramente negli aspetti culturali, con criteri estetici che enfatizzano la magrezza. Queste cause sono state certamente enfatizzate dall’esplosione dei social network, in cui l’esposizione continua di persone con fisici eccessivamente magri ha portato a visualizzarle come il canone di bellezza da raggiungere.

E’ stato visto che l’anoressia è un disturbo che colpisce prevalentemente le donne, con un’incidenza circa dieci volte maggiore che negli uomini. Negli ultimi anni inoltre si è abbassata notevolmente l’età media dell’insorgenza dell’anoressia (anche intorno ai 10/12 anni), il che rappresenta un grave problema, oltre che per la malnutrizione, anche per il fatto che molti organi e apparati non hanno raggiunto la piena maturazione, condizionando il sano sviluppo dell’intero organismo.


Quali sono i sintomi dell’anoressia?


La maggior parte dei sintomi che caratterizzano l’anoressia sono legati alle conseguenze della malnutrizione. I sintomi principali dell'anoressia sono:

  • la paura irrazionale di ingrassare;
  • il senso di inadeguatezza ;
  • il rifiuto del cibo;
  • amenorrea;
  • bradicardia;
  • dolori addominali e/o stitichezza;
  • secchezza della pelle;
  • ipertensione arteriosa.

 

Quali sono le cause dell’anoressia?


Stabilire una sola causa responsabile dell’insorgenza dell’anoressia può essere riduttivo. E’ infatti da ricondursi ad una combinazione di aspetti psicologici, genetici, ambientali e culturali.

E’ stato studiato che anche forme di dipendenza dalle figure genitoriali possono accentuare il senso di insicurezza e preoccupazione per il proprio aspetto fisico, che può poi sfociare nella malattia.

Se ci sono casi di disturbi alimentari in uno dei genitori, la loro personalità perfezionista, i problemi relazionali con i figli condizionano nel tempo il loro carattere e possono aumentare le loro insicurezze, predisponendoli a questo tipo di disturbo.


Rimedi per contrastare l’anoressia


Una tappa importante per la guarigione è rappresentata dal raggiungimento di un peso forma ideale. Per perseguire questo obiettivo è importante seguire un percorso multidisciplinare, che fornisca un supporto sia psicologico che di educazione alimentare.

Rendere consapevoli i soggetti della loro condizione e fare associare il loro malessere alla malattia è il primo passo di uno psicoterapeuta. Il nutrizionista deve associare al piano alimentare la prescrizione di integratori in aderenza con le carenze dovute alla malnutrizione.

Il processo può essere molto lungo e complesso, soprattutto se la malattia è in uno stato avanzata e deve servirsi del lavoro di più soggetti. Anche la famiglia e le persone vicine al soggetto colpito da anoressia possono avere un ruolo importantissimo. Come tutte le patologie che interessano la sfera psicologica è importante la perseveranza e non abbattersi se la terapia inizialmente non risponde come si vorrebbe.


Si può guarire dall’anoressia?


Dall’anoressia si può guarire! E’ molto importante un intervento tempestivo e risoluto. In questo possono giocare un ruolo fondamentale le persone accanto al soggetto affetto da questo disturbo. Saper riconoscere i segnali e tutti i sintomi descritti in precedenza può risultare fondamentale prima che gli effetti della malnutrizione vadano a danneggiare irreparabilmente l’organismo.

Circa i due terzi delle persone guariscono completamente o arrivano ad una remissione soddisfacente dei sintomi. Il restante terzo può andare incontro ad una cronicizzazione della malattia che può portare anche a conseguenze molto gravi.


Quando rivolgersi al medico


Se pensate di soffrire di anoressia o conoscete qualcuno che potrebbe soffrirne (se cogliete i segnali tipici del disturbo o i sintomi descritti in precedenza), è importante parlarne con il vostro medico o uno psichiatra per iniziare una terapia adeguata. Ricordate che l'anoressia è una malattia seria e può portare alla morte se non viene curata in maniera tempestiva. Se avete bisogno di ulteriori informazioni sull'anoressia, consultate quindi il vostro medico o un esperto di disturbo alimentare.

Leaderfarma consiglia


Per aiutarti a contrastare questo disturbo i farmacisti di Leaderfarma.it consigliano alcuni ottimi prodotti che potrai trovare in fondo all'articolo.

Cliccando sui prodotti che più vi interessano potrete visualizzare le relative schede-prodotto dettagliate, in modo da capire quale possa fare al caso vostro.
Inoltre è attiva la sezione "hai domande?" (sempre all'interno delle singole schede prodotto), attraverso la quale potrete chiederci qualsiasi cosa sul prodotto e/o disturbo sul quale avete delle curiosità.


Speriamo che queste informazioni ti siano state di aiuto continua a seguire il nostro blog e rimani aggiornato su tutte le nostre offerte.

 

Tutte le informazioni contenute in questo articolo sono fornite a solo scopo informativo, in nessun caso costituiscono la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Come specificato in ogni articolo se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.

 

 

 

Recensioni certificate

Sappiamo come rendervi felici